Fiorentini si Cresce

E allora... Dance



Tutti desideriamo ballare! Magari ci vergogniamo, o pensiamo di non avere il fisico adatto... ma dentro di noi BALLIAMO! Di Margherita Pink

La danza arriva dall'antichità, è scritta nel nostro DNA: sono sicura che le nostre cellule si ricordano di quando ballavamo sotto le stelle, e magari invocamo il potere della luna o il calore del sole.

Mi è venuto in mente di un incontro che avevo fatto qualche anno fa, alla presenza di un esperto che abita dalle nostre parti, si tratta di Claudio Cesaroni: studia e pratica le danze storiche e popolari dal 1980, è socio della Società italiana per l’educazione musicale, e membro del comitato scientifico della rassegna per le scuole dedicata a Ilva Nesci e dulcis in fundo ha ballato nel film “Ritratto di signora”, per la regia di Jane Campion.
 
Quella sera ricordo che abbiamo fatto un viaggio nel passato partendo dalla prima metà del '400, dove finalmente si inizia per i nobili a trascrivere la musica e le relative sequenze dei passi. Quindi i balli medioevali sono in realtà ricostruzioni di fantasia!
In pratica queste trascrizioni insegnavano ai nobili anche le buone maniere, che a quanto pare ne erano sprovvisti. Una citazione su tutte: " non si indossino guanti troppo stretti, che per ballare si debbano togliere con i denti" ...oppure " non salutare rumorosamente entrando in una sala i conoscenti che si trovano dall'altra parte" . Interessante notare che per le gentili signore era tollerata l'ampia scollatura, ma era scandaloso vedere la caviglia.
Buffo assai, il suggerimento di Domenica da Piacenza, che fu maestro di buone maniere ed esperto danzatore alla corte della famiglia d'Este di Ferrara, il quale diceva: "Le donne debbono tener ben legate le faldiglie...."ovvero i lacci con i quali si sorreggevano le calze! Vi immaginate se fossero cadute mentre ballavano!! Scandalo!
 
Abbiamo parlato della "volta" detta anche lavolta, la volta, levalto o levolto, che è una danza rinascimentale, che conobbe il suo massimo splendore in tutta Europa durante il XVI e il XVII secolo. Si pensa che essa abbia dato origine al passo di valzer e probabilmente anche a quello di polka. Ve ne è un meraviglioso esempio  tratto dal film Elisabeth, intrigante nella sua semplicità: https://www.youtube.com/watch?v=nx002D9N6qU. Si dice che Elisabetta lo danzasse tre volte al giorno!
 
Siamo volati in Spagna per parlare del Canarios, ballo del 500, che sembra abbia dato origine al flamenco: https://www.youtube.com/watch?v=jh-94sxuduI
Abbiamo visto anche i passi dei moschettieri reali di Francia ma su tutti - udite udite! -  erano gli italiani ad eccellere! Ebbene proprio un fiorentino portò alla corte di Luigi, il Delfino di Francia, musica e danza. Si chiamava Giovan Battista Lulli, ovvero Jean-Baptiste Lully  (Firenze, 28 novembre 1632 – Parigi, 22 marzo 1687) ed è stato un compositore, ballerino e strumentista italiano naturalizzato francese. Trascorse gran parte della sua vita alla corte di Luigi XIV, ottenendo, nel 1661, la naturalizzazione francese.
Pronti a stupirvi? Sapete perché veniva chiamo il RE SOLE? ... la risposta è in questo filmato che si intitola :"Le Roi Danse" ovvero la danza del re, qui le migliori scene: https://www.youtube.com/watch?v=BMvpvDjFvHA
Ebbene sì, RE SOLE, perché amava la danza, e tutto vestito e ricoperto d'oro balla nella parte del sole e di tutte le sue virtù.
Proprio questo Re darà origine alla danza barocca e alla prima accademia in Europa. Tra l'altro ricevere l'appellattivo di "fiorentino o florentin" stava a significare avvelenatore, attaccabrige (ricordiamoci che alla corte di Francia c'erano già state delle Medici!)

Nella Metà' del 600 abbiamo Haendel irlandese scozzese, che con la sua "Hornpipe"https://www.youtube.com/watch?v=zlXwN7q9hFw crea uno stile che anche "braccio di ferro"(il cartone animato) ha copiato":   https://www.youtube.com/watch?v=9YxKeuURayU
 
VIDEO SU TUTTI DA GUARDARE: https://www.youtube.com/watch?v=u_jTujiRdi8, si tratta de LORD OF THE DANCE RIVERDANCE BY PANDAMIMIH, prima un assolo del ballerino principale, ma l'unità del gruppo è a dir poco emozionante!
 
Non è mancato il cinema Hollywoodiano con Cary Grant e Ingrid Bergman, un meraviglioso "distratto" ballerino :https://www.youtube.com/watch?v=kKO_cHse5wg
...e questa scena di Charlie Chaplin che ha tutte le caratteristiche di una danza pur non essendo tale? :https://www.youtube.com/watch?v=dPULhic5oUE parliamo di "La Danza Ungherese di Brahms tratta da Il Grande Dittatore.
...e l'incontro tra culture diverse? zingari e ebrei, tratto dal film TRAIN DE VIE https://www.youtube.com/watch?v=t4esViss83M
 
Siamo arrivati in Italia con un accenno al ballo tradizionale italiano, ad esempio il trescone toscano da fare con gli intimi appenino e del quale ne è rimasta traccia nell'appenino tosco emiliano: https://www.youtube.com/watch?v=9oI77Zcff8M, cosa era il trescare? era il pestare il grano, per separare le varie parti prima della macinatura, sta a significare un "maneggio segreto"....
Abbiamo accennato ai balli del Saltarello o della Saltarella di Amatrice: https://www.youtube.com/watch?v=R8I066Kv9GU
Accenno alla Val di Resia e al meraviglioso carnevale denso di costumi, balli e tradizioni: https://www.youtube.com/watch?v=CfU9lIyQgyE
...e che dire dellaTarantella ? in realtà è una invenzione cinematografica di Rossini! perchè la tarantella non si balla a NAPOLI! A Napoli si balla la Tamburiata o Tammuriata: https://www.youtube.com/watch?v=Xgnbr__Q5gg
Eccola la veraTarantella di Montemarano: https://www.youtube.com/watch?v=5akHWTtrv6g
e della Pizzica salentina ?: https://www.youtube.com/watch?v=mEVB_QAtgwI
 
Ma chi era la TARANTOLATA?: era principalmente un soggetto femminile, ovvero chi è stato morsicato dalla tarantola, che, secondo una credenza popolare, si abbandona a movimenti convulsi e incontrollati. In realtà erano donne affette da "stress" diciamo da fenomeni di bipolarismo, ma il paese veniva incontro a questo problema dicendo che si curava con la " musica e il movimento "...proprio cosi! Musica e danza curano ...erano una oggettivazione del malessere e la comunita' accettava e curava!
 
Ebbene si il  "ritmo continuativo crea la sensazione del cerchio ovvero  crea la comunità".
...in conclusione, il ballo è scambio, è gioia, è passione, è storia, è gioia, è amore, è comunione, è cura! per chi vuole info sui corsi che tiene CLAUDIO o altre notizie, scrivere a : claudio.cesaroni@gmail.com

BUONA DANZA!
Margherita Pink
    

Newsletter

(c) 2019 Tutti i diritti riservati - P.IVA 06038670482 - Concept, progetto grafico e gestione contenuti: Elisa Staderini