Fiorentini si Cresce
L'OCULISTA risponderà a tutte le vostre domande sulla vista dei bambini. Fai la tua domanda all'esperto

La Dott.sa M.Silvia Collarino si è laureata presso l'Università degli Studi di Firenze. Si è specializzata nel 2009 in Oculistica con una tesi sull'ipovisione pediatrica. Ha frequentato gli ambulatori specialistici dell'Ospedale Pediatrico Meyer e il Centro Regionale per l'Educazione e la Riabilitazione Visiva. Ha partecipato al Master di Ipovisione presso IRSOO di Vinci. Attualmente svolge la libera professione a Firenze e provincia.

Riceve su appuntamento presso:
Fitness Club, Viale M.Fanti 49/a 50137 Firenze
055/685789

Dott.sa Silvia Collarino

cell 377/4266353
www.docvadis.it/msilvia-collarino


Vuoi sapere quando fare la prima visita oculistica a tuo figlio? Hai domande e dubbi inerenti la vista? Chiedi alla nostra esperta Oculista Dott.sa Collarino

zoom in

Occhiali a 3 anni


D: Gentile Dottoressa Collarino, a mia figlia di tre anni e mezzo, sono stati prescritti gli occhiali per la correzione del'astigmatismo in seguito ad una visita specialistica, dalla quale sono emersi questi valori: Occhio destro: +1,5/95 Occhio sinistro: +2/90
Faccio presente che durante la visita la bimba è stata collaborativa e i controlli sono stati eseguiti con tutta la strumentazione di prassi. Le chiedo se, secondo Lei, gli occhiali sono davvero indispensabili, vista la tenera età della bambina.
Grazie. Cordiali saluti,
Alessandra Zanardi


R: Cara Sig.ra Alessandra, non c'è un'età in cui gli occhiali sono "davvero indispensabili" come lei dice, e un età in cui invece non lo sono. Capita spesso di prescrivere occhiali anche a bambini che hanno meno di tre anni!
L' oculista durante la visita valuta tanti dati obiettivi tra cui la visione stereoscopica, l'acuità visiva (i famosi decimi) la motilità oculare e il difetto refrattivo (miopia, ipermetropia o astigmatismo) e sulla base di questi prescrive l'occhiale. Nella valutazione di un bambino è inoltre importantissimo considerare il rischio di ambliopia, ovvero occhio pigro, che può instaurarsi in tanti casi, tra i quali la mancata correzione di un difetto refrattivo.
In conclusione immagino che se il suo oculista sulla base di dati raccolti nella visita le ha prescritto degli occhiali, lo abbia fatto nell'interesse della salute di sua figlia.
Dott.sa Silvia Collarino
...
zoom in

Strabismo


D: Salve Dott.sa,
l’occhietto sinistro di mia figlia, sette mesi tra pochi giorni, si storce verso il nasino. Ho paura che sia strabica, ma il pediatra mi dice che è troppo presto per fare una diagnosi. Cosa mi consiglia? Sono molto in ansia!
Grazie mille, 
saluti cordiali
Raffaella Manzoli.

R: Salve,
lo strabismo va sempre indagato con una visita specialistica, anche se è vero che nei primi mesi di vita possono essere presenti deviazioni degli occhi dovute alla incompleta maturazione del sistema motorio oculare. Lo strabismo può avere moltissime cause più o meno gravi, ma solo l'oculista può fare la corretta diagnosi. In conclusione le consiglio di rivolgersi a uno specialista.

Dott.sa
Silvia Collarino
...
zoom in

Muco all'occhio


D:  Buon giorno Dottoressa.
Mi chiamao Maurizio e gradirei un suo parere. Il nostro piccolo ha un mese di vita e da qualche giorno ha l'occhietto destro un po’ sporco, sembra quasi una specie di muco giallognolo. Cosa può essere? Cosa ci consiglia?
Grazie, Maurizio

R: Il muco giallognolo di solito è caratteristico di una congiuntivite batterica che può essere risolta con l'uso di un collirio antibiotico, una attenta pulizia degli occhi e, se associato a raffreddore, anche del naso.
Ritengo utile quindi che lei faccia visitare il bambino dal pediatra. Sarà lui che farà la diagnosi e la prescrizione oppure la invierà a uno specialista se necessario.

Dott.sa Silvia Collarino

...
zoom in

Visita oculistica


D: Salve dottoressa.
Stamani mio figlio di 7 anni ha fatto la visita pediatrica annuale, e gli è stato fatto anche l'esame oculistico dove è risultato avere 6/10.
Non aveva mai dato sintomi, mi devo preoccupare?
Grazie
Giulio
R: Buongiorno Sig.Giulio, di solito a 7 anni in assenza di patologie o difetti refrattivi l'acuità visiva è 10/10. Nel suo caso quindi farei una visita oculistica soprattutto se il bambino non l'ha mai fatta.

Dott.sa Silvia Collarino
...
zoom in

Puntini colorati...


D: Buongiorno, mio figlio di 5 anni da qualche mese dice di vedere spesso dei puntini colorati in entrambi gli occhi. In particolare appena sveglio, ma anche durante il giorno soprattutto guardando oggetti relativamente vicini, guardando lontano non li vede. Da cosa può dipendere? E' il caso di fare qualche accertamento?
Grazie
Mary
R: Buongiorno, sembrerebbe un difetto aspecifico non correlato strettamente con la vista. Ne parlerei prima con il pediatra, sebbene una visita oculistica può servire in questo caso ad escludere con certezza una origine "visiva".


Dott.sa Silvia Collarino
...
zoom in

Visita oculistica


D: Salve, ho fatto la visita oculistica a mia figlia che ha 3anni. Dopo la visita, senza gocce oculari, le è stata diagnosticata un'ipermetropia di +0,75 nell'occhio sx e +0,50 in quello dx. Ora la pediatra vuole un'altra visita perché non è convinta del fatto che l'oculista non ha deciso di correggere con le lenti. Ma ho letto che l'ipermetropia è fisiologica nei bimbi piccoli e tende a scomparire del tutto. Lei cosa mi consiglia: una visita immediata da un altro oculista (come mi ha proposto la pediatra), o aspettare un altro anno per come mi ha detto l'oculista dove ho fatto la visita a mia figlia?
Grazie mille
Emanuela
R: Io le dico che una visita oculistica, specialmente a un bambino di 3 anni, non può prescindere dalla cicloplegia ovvero dalle gocce che dilatano la pupilla e annullano l'accomodazione che è un processo molto presente nei bambini piccoli. Solo così si può definire veramente il difetto refrattivo. Se alla sua bambina è stata diagnosticata una ipermetropia di +0,75 senza mettere le gocce, probabilmente questa risulterà più elevata con l'effetto della cicloplegia.
Inoltre senza le gocce che dilatano la pupilla non si può valutare il fondo oculare.
In conclusione sì, le consiglio assolutamente di ripetere la visita come le ha detto la pediatra.

Dott.sa Silvia Collarino

...
zoom in

Ipermetropia e strabismo


D: Gentile Dottoressa, ho sottoposto mio figlio alla visita oculistica e ortottica all'età di tre anni.
La diagnosi è stata pressoché uguale con due professionisti interpellati ovvero: visus uguale e 10/12 entrambi occhi, strabismo convergente occhio destro, ipermetrope 1,50 entrambi occhi.
Le terapie consigliate completamente opposte: un dottore ha consigliato occlusione occhio "buono" per 4 ore al giorno, niente occhiali e probabile intervento chirurgico. Il secondo dottore ha prescritto occhiali e bendaggio per 1 ora al di. Sono abbastanza perso perché le due terapie sono diverse e possono anche confliggere tra loro e non so se dovrà affrontare un intervento chirurgico e se è meglio ora più che "domani".
Grazie per tutti i chiarimenti che vorrà darmi cordialmente.
Giuseppe
R: Buongiorno, quando allo strabismo è associato un difetto refrattivo (nel suo caso l'ipermetropia di +1,50) è bene per prima cosa correggere tutto il difetto refrattivo con l'occhiale. Esiste infatti un tipo di strabismo convergente che è strettamente legato all'ipermetropia e a volte basta mettere gli occhiali perché questo scompaia o si riduca. Se con gli occhiali permane una deviazione dell'occhio, allora sì, la soluzione in quel caso sarà chirurgica. Il bambino fortunatamente vede bene con entrambi gli occhi, ma è bene controllarlo spesso per verificare che non si instauri una ambliopia.
Cordiali saluti

Dott.sa Silvia Collarino
...
zoom in

Ipermetropia


D: Buongiorno,
quando mia figlia aveva 3 anni e mezzo è stata riscontrata una ipermetropia come segue: Ciclolux OD +3.00 +0.50a110 Ciclolux OS +2.75 +0.75a78.
La bambina disegna e colora per ore con grande precisione e non lamenta mal di testa né si sfrega gli occhi.
Non sono state pescritte lenti ma controllo a un anno. Sono ora passati 6 mesi e mi chiedo se aspettare 1 anno non sia troppo tempo. Mi chiedo anche cosa significa ipermetropia e se è la stessa cosa della presbiopia. Io e mio marito siamo miopi (io -5.75 e mio marito -3 con leggero astigmatismo), questo può significare che può darsi la bambina cambi difetto? Da ipermetrope a normale o miope? Si possono avere entrambi i difetti? Ci sono indicazioni comportamentali da seguire per non far peggiorare l'ipermetropia?
Grazie mille
Elena B.
R: L'ipermetropia è un difetto refrattivo che è fisiologico nei bambini piccoli e normalmente decresce con l'età senza dare problemi particolari. L'ipermetropia del bambino è dovuta principalmente a un fattore anatomico: l'occhio è ancora piccolo e i raggi che entrano non convergono sulla retina. Il bambino però riesce ad "autocorreggere" questo difetto mettendo in atto un meccanismo muscolare chiamato "accomodazione".
Sono d'accordo nel controllare una ipermetropia di 3,00 diottrie a 3 anni e mezzo senza correggerla con gli occhiali. Il controllo però lo avrei fissato dopo sei mesi, raccomandando di anticiparlo in caso di comparsa di strabismo o di mal di testa o di qualsiasi altro atteggiamento sospetto.
Il fatto che sia ipermetrope a 4 anni non esclude la possibilità che da grande diventi miope data la familiarità, ma questo nessuno può prevederlo. Miopia e Ipermetropia non possono coesistere.
La sua ipermetropia è difficile che peggiori, anzi è più probabile che diminuisca con la crescita come tutte le ipermetropie.
La presbiopia ha in comune con l'ipermetropia solo il fatto di sfruttare lenti positive (+1,00 +2,00 etc.) ma il meccanismo che sta alla base della presbiopia è la diminuzione del tono muscolare che impedisce la messa a fuoco per vicino e che compare dai 40 anni in poi, per questo non si può parlare di presbiopia in un bambino.
Spero di averla aiutata

Dott.sa Silvia Collarino
...
zoom in

Occhio pigro


D: Buongiorno dottoressa, le avevo scritto qualche mese fa in merito all'occhio di mia figlia pigro con astigmatismo di 3,25.La sua spiegazione mi fu molto chiara e infatti abbiamo fatto per 8 mesi la terapia occlusiva due ore al giorno e la bimba porta gli occhiali in maniera permanente. In 8 mesi l'occhio pigro è passato da 3/10 a 9/10 e perciò ora ci hanno prescritto di eseguire il bendaggio solo un'ora al giorno. Adesso la bimba ha quasi 5 anni. Volevo sapere se riducendo il tempo di occlusione si rischia di regredire o se possiamo sperare che il miglioramento durerà nel tempo.
Grazie ancora, valentina



R: Bene! Sono contenta del risultato di sua figlia. Il recupero non è mai scontato! Trovo giusto a questo punto ridurre il bendaggio e capisco il suo timore di una regressione che è possibile. Immagino che il suo oculista le abbia prescritto un controllo a breve termine, probabilmente 3 o 4 mesi?, per controllare che il visus si mantenga sui 9/10.
Gradualmente il bendaggio andrà ridotto e poi eliminato per passare a una fase cosiddetta di "mantenimento" in cui si controlla proprio che il risultato ottenuto si mantenga buono. Le visite di controllo saranno meno frequenti con il passare del tempo e sua figlia potrà essere contenta dei suoi 9/10.

Dott.sa Silvia Collarino
...
zoom in

Astigmatismo


D: Buongiorno, a mia figlia di 3 anni alla prima visita oculistica hanno trovato 1,75 astigmatismo ad un occhio e 0,50 all'altro.
Il dottore ha sconsigliato occhiali da vista e rimandato la visita a 6 anni di età. Lei cosa ne pensa? È giusto non mettere gli occhiali alla bambina? Grazie mille in anticipo. Saluti, Mario
R: Caro Mario, le principali società oculistiche internazionali suggeriscono di correggere l'astigmatismo in età prescolare quando è superiore a 1,50 diottrie e io sono d'accordo. Il caso di sua figlia rientra tra questi. Aggiungerei che la sua bambina ha una differenza di refrazione tra i due occhi che aumenta il rischio di ambliopia, cioè occhio pigro. In altre parole, non correggendo l'astigmatismo più elevato di un occhio con gli occhiali, si rischia che quest'occhio non arrivi mai a vedere i 10/10. Io prescriverei quindi una correzione con lenti e farei una visita di controllo dopo 4 mesi.

Saluti

 

Dott.sa Silvia Collarino
...
zoom in

Calazio ricorrente


D: Buonasera Dottoressa, mia figlia di 3 anni ha periodicamente un calazio ad un occhio. Abbiamo provato con dei cicli di antibiotico con il pediatra, ma questa volta il calazio resta lì.
Cosa mi consiglia di fare?
Grazie
Sarah
R: Buonasera Sarah,
il calazio è un'infezione di una ghiandola contenuta nella palpebra. Ci sono persone che non ne hanno mai sofferto nella vita ed altre, come probabilmente sua figlia, che per motivi non ben conosciuti hanno calazi ricorrenti. Sicuramente in un bambino le buone norme igieniche possono prevenirne l'insorgenza per cui si raccomanda di mantenere le mani pulite e cercare di non toccarsi gli occhi. Una recente teoria imputa che ci sia anche una causa "dietetica" nella calaziosi ricorrente, nel senso che una dieta ricca di cibi grassi e raffinati e povera di frutta e verdura favorirebbe le recidive. Per questo motivo qualche medico prescrive degli integratori a base di detossificanti epatici, che però in un bambino di 3 anni non sono indicati.
La terapia antibiotica locale è sempre la prima scelta e nella maggior parte dei casi in una settimana o al massimo due si arriva a guarigione completa. Nei casi più gravi l'oculista può ricorrere ad un collirio o una pomata che oltre all'antibiotico contenga anche del cortisone.
Anche gli impacchi di acqua e sale possono aiutare a sfiammare il calazio.
In alcuni casi il calazio si riduce di dimensioni ma rimane sottoforma di una "pallina" dura nello spessore della palpebra, vuol dire che si è cronicizzato; è necessario allora un piccolo intervento chirurgico per rimuoverlo.
Ai bambini piccoli come la sua suggerisco di aspettare, soprattutto se non si lamenta; la rimozione chirurgica prevederebbe nel suo caso una anestesia generale e non eviterebbe comunque il rischio di recidive.
Faccia valutare al suo oculista se è necessaria una terapia più aggressiva (con un antibiotico diverso da quelli provati o con del cortisone) altrimenti lo lasci così e vedrà che piano piano regredirà da solo.
Saluti


Dottoressa Silvia Collarino
...
zoom in

Esotropia essenziale


D: Gentile dott.ssa Collarino,
le avevo scritto un anno fa per esporle il caso di mia figlia affetta da Esotropia essenziale infantile con sindrome a V.
L'operazione ha migliorato la situazione (l'angolo di strabismo era elevato..oltre 40 diottrie) e al controllo di dicembre risultava di circa 16 diottrie, ma ultimamente mi sembra peggiorata. Senza occhiali la convergenza è evidente e la sua ipermetropia non è elevata(2,5).
Il prossimo controllo sarà ad agosto, sono un po' preoccupata. E' possibile forse che i suoi occhi non saranno mai dritti? Potrebbe essere operata fra qualche anno o sarebbe inutile? Non le sono mai stati prescritti esercizi ortottici. Potrebbero servirebbero per migliorare la situazione?
La ringrazio
Marica
R: Mi sembra che l'intervento sia andato molto bene vista la situazione di partenza. E' normale che lo strabismo sia ancora evidente quando non porta gli occhiali e si riduca quando li indossa, infatti immagino che le abbiano detto di portarli fissi. Se non ricordo male la vista era perfetta (10/10) e questa è la cosa più importante.
E' presto per parlare di ulteriori interventi chirurgici, la situazione della sua bambina va seguita nella crescita, per adesso mi sembra che abbia ottenuto già un ottimo risultato.
Non ho dati a sufficienza per dirle se sono necessari esercizi ortottici, ma se l'ortottista e l'oculista non li hanno richiesti vuol dire che non ce n'è bisogno.
Saluti
Dott.sa Silvia Collarino

...
zoom in

Lenti a contatto


D: Gentile Dott.sa Collarino
so che è possibile correggere la miopia anche con le lenti a contatto. Lei è d'accordo? a che età si possono inserire? Con quali gradi di miopia? Mia figlia ha otto anni e le manca circa 2,75 a occhio. Porta occhiali fissi ma per il basket non è il massimo...
Grazie
Chiara
R: Gentile Chiara
i bambini se ben istruiti da un contattologo possono mettere le lenti a contatto (LAC) anche a 8 anni. E' importante una buona manualità, l'osservanza delle comuni norme igieniche, ma soprattutto una buona motivazione, quindi è importante che la decisione sia presa da sua figlia prima di tutto e non forzata dai genitori.
Non c'è una gradazione in particolare che richieda l'uso delle lenti a contatto al posto degli occhiali, anche se è vero che nelle miopie elevate la performance della LAC è sicuramente migliore rispetto all'occhiale perché "amplia" il campo visivo.
Per lo sport è caldamente consigliato l'uso delle lenti a contatto in quanto in caso di trauma un occhiale può rompersi e causare danni anche gravi.

Dott.sa Silvia Collarino
...
zoom in

Occhio pigro astigmatico


D:  Buongiorno, la mia bimba di 4 anni è in cura con bendaggio e occhiali per occhio pigro con astigmatismo di 3,25 ed ipermetropia. Tutto a posto sull'altro occhio. La mia domanda è : la terapia che stiamo seguendo porterà miglioramenti solo sull'ipermetropia o anche per l'astigmatismo dell'occhio pigro?
Grazie mille
Valentina
R: Buonasera Valentina, la terapia occlusiva (bendaggio) per l'occhio pigro non è mirata a ridurre l'iprmetropia nè tantomeno l'astigmatismo, ma per l'appunto a curare la "pigrizia" di quell'occhio che anche con la correzione ottica non raggiunge i 10/10.
L'ipermetropia e l'astigmatismo sono infatti due difetti refrattivi congeniti che con la crescita è probabile ma non sicuro che diminuiscano (difficilmente un astigmatismo di 3,25 diottrie a 4 anni regredirà con il tempo). Entrambi si correggono con le lenti, quindi la loro terapia sono gli occhiali.
Probabilmente nel caso della sua bambina l'occhio ipermetrope e astigmatico non vede bene come l'altro, per questo si dice che è pigro, e per questo motivo l'oculista le ha detto di bendare l'occhio buono affinchè l'occhio pigro venga stimolato a lavorare di più per recuperare tutti i decimi che gli mancano per raggiungere un'ottima acuità visiva.
Quindi la sua bimba sta facendo una doppia terapia: con gli occhiali corregge la sua ipermetropia e il suo astigmatismo, con la benda corregge l'ambliopia ovvero l'occhio pigro.
Spero di esserle stata utile

Dott.sa Silvia Collarino
377/4266353
...
zoom in

Ipermetropia


D: Buongiorno cara Dott.ssa, le presento di seguito il mio caso.
Il mio bimbo è stato sottoposto a prima visita oculistica di routine all'età di un anno: in tale occasione non ha collaborato molto e gli è stata diagnosticata un'ipermetropia (anche io sono ipermetrope).
I medici oculistici mi hanno consigliato di portarlo nuovamente a visita prima dei due anni, così ho fatto, ma non ha collaborato neanche stavolta, facendo un po' i capricci, e pur iniziando ora a riconoscere e nominare animaletti e oggetti. Gli è stata diagnosticata un'ipermetropia +3 da entrambi gli occhietti e gli sono state prescritte lenti da 1,50. Il bimbo è vivace e non mi ha dato segnali di sofferenza (stanchezza, sfregamento occhi); riconosce ed osserva anche oggetti molto piccoli. Le chiedo, non è precoce far portare le lenti al piccolo? L'ipermetropia non è fisiologia, non si stabilizza intorno ai tre anni? Il mio piccolo non ha ancora compiuto due anni.
Grazie, saluti
R: Le più recenti linee guida consigliano di correggere l'ipermetropia di un bambino di 1-2 anni solo se superiore alle 5 diottrie (+5,00), ma attenzione! Se è presente esotropia ovvero uno strabismo convergente si corregge anche se è maggiore di 2 diottrie. Nel suo caso non è specificato questo importante dato obiettivo. Correggere un difetto refrattivo in un bambino molto piccolo (anche di un anno) consente all'oculista di scongiurare l'insorgenza di un'ambliopia ovvero dell' "occhio pigro" , interpreto così il comportamento del collega. Mi sento di dirle che se dovesse scegliere di non far mettere adesso gli occhiali a suo figlio, non dimentichi di farlo controllare ogni 4-6 mesi.

Dott.sa Silvia Collarino
...
zoom in

Peperoncino nell'occhio


D: Gentile Dott.ssa Collarino, mi perdonerà se Le sembrerò oltremodo apprensivo ma ho pensato di scriverLe per ricevere rassicurazioni rispetto ad un anomalo incidente che è capitato all'occhio sx di mio figlio, 11 anni, che appare normale come quello dx. Due giorni fa mentre a pranzo mangiava un piatto di pasta gli è andato nell'occhio del peperoncino con cui era condita. Trascorsi un paio di minuti di forte bruciore il problema è passato, e ha detto di vederci bene. Tuttavia ad oggi gli è rimasta una sensazione di dolore interna all'occhio, sopportabile ma fastidiosa. Mi chiedo se è il caso di indagare meglio la questione o se invece si tratta di attendere che il problema scompaia da solo.
La ringrazio sentitamente, Giuliano.

R: Il peperoncino ha un forte potere urticante nell'occhio ma basta sciacquare bene l'occhio con acqua e aspettare qualche giorno che la lacrimazione elimini ogni "traccia". Tuttalpiù si possono instillare dei lubrificanti lacrimali per favorire l'eliminazione delle sostanze derivate dal peperoncino che danno la sensazione di "bruciore". Non ci sono complicanze a lungo termine, quindi la sintomatologia migliora con i giorni.
Dott.sa Silvia Collarino
...
zoom in

Motilità oculare


D: Salve, ho una figlia di un anno. Da un paio di settimane ho notato che a volte quando deve spostare lo sguardo da un punto ad un altro l'occhio destro sembra seguire quello sinistro come se iniziasse a muoversi un pò dopo l'altro. Quando poi lo sguardo ha fissato l'oggetto gli occhi si allineano.
Sono sicura che questo difetto è comparso da poco dopo il compimento di un anno.
In attesa di parlarne con il mio pediatra la ringrazio per ogni sua indicazione
R: Evidentemente c'è un problema di motilità oculare che va indagato con una visita ortottica e una visita oculistica, soprattutto se di recente insorgenza. Per adesso non saprei dirle di più.

Dott.sa Silvia Collarino
...
zoom in

L'occhio pigro


D: A mio figlio affetto da ambliopia � stata prescritta l'occlusione con cerotto a pelle. Volevo sapere se anche la toppa ortottica del tipo ipatching ha la stessa valenza e quali conseguenze ci sono a livello neuromuscolare del bambino. Grazie Sabrina
R: L'occlusione dell'occhio "buono" è una delle principali terapie nell'ambliopia. Il cerotto a pelle è preferibile rispetto a una toppa montata sulla lente dell'occhiale (Ipatching) perché nel secondo caso il bambino può levarsi gli occhiali quando vuole o sbirciare sopra e sotto la lente rendendo inutile il trattamento. Riguardo alle conseguenze neuromuscolari direi che sono quasi tutte positive, ovvero laddove è presente uno strabismo l'occlusione mira a stimolare la ripresa funzionale delle cellule dell'occhio deviato che quindi è costretto a riallinearsi per vedere bene.
L'unico rischio che si può correre in caso di occlusione prolungata o permanente dell'occhio deviato è che l'occhio sano possa andare incontro a sua volta a strabismo. Questa è una conseguenza possibile, spesso ben accettata dai genitori se avvertiti in precedenza dall'oculista, ma trattabile chirurgicamente.

Dott.sa Silvia Collarino
...
zoom in

Intervento per strabismo


D: Sono la mamma di una bimba di 4 anni affetta da strabismo. Questo problema è stato rilevato all'età di due anni, le sono stati prescritti da subito lenti (è leggermente ipermetrope) e bendaggio dell'occhio sinistro.
Questo trattamento le ha consentito di ottenere un visus corretto su entrambi gli occhi di 10/10 (E di Albini) il suo problema è di tipo muscolare: la recente valutazione ortottica è la seguente: cover test: senza lenti per lontano e vicino OD esotropia oltre + 40 con ipertropia 10 con lenti: per lontano OD esotropia + 20 con ipertropia 6 per vicino OD esotropia + 40 con ipertropia 18 MOE: OO iperfunzionali piccoli obliqui>OD++++ con elevazione in adduzione OO ipofunzione grande obliquo>OD--- OO iperfunzione retti mediali ++ OO ipofunzione retti laterali -- stereopsi assente convergenza buona a breve

Sarà sottoposta al primo intervento chirurgico (verticale) seguito da un secondo; volevo avere una sua opinione: crede che ci siano speranze di vedere dei miglioramenti a seguito di questi interventi? Avrà mai gli occhi completamente allineati?

Grazie mille per la sua eventuale gentile risposta
R: Salve, mi sembra di capire dalla sua spiegazione molto dettagliata che oculisti e ortottisti che hanno seguito la sua bambina abbiano già fatto un buon lavoro. La diagnosi infatti è stata precoce, così come il trattamento antiambliopico (il bendaggio dell'occhio sinistro) che ha permesso di arrivare a una isoacuità visiva, ovvero ai 10/10 di entrambi gli occhi scongiurando il rischio di una ambliopia.

E' giunto quindi il momento della chirurgia che deve mirare a rimettere in asse gli occhi, quindi per rispondere alla sua domanda: Sì, non si potrà che avere un miglioramento dall'intervento chirurgico. Che questo sia eseguito in una unica seduta o in due tempi diversi dipende dal chirurgo. Spero di esserle stata di aiuto

Dott.ssa Silvia Collarino
...
zoom in

Astigmatismo: che cos'è?


D: Gentilissima Dottoressa
al mio bambino di 12 anni hanno diagnosticato l’astigmatismo. Ma non ho capito bene di cosa si tratti… riesce a spiegarmelo in modo semplice cosi che lo possa spiegare anche a lui? La ringrazio tanto.
Antonella
R: L'astigmatismo è un difetto della vista che si verifica quando la cornea, ovvero la parte anteriore dell'occhio, non ha la tipica forma emisferica ma ovoidale. I raggi che la attraversano non vanno quindi perfettamente a fuoco sulla retina creando delle immagini imprecise.
Un punto luminoso viene percepito come allungato (tipicamente la guida notturna è più difficoltosa per un astigmatico) e una linea può essere percepita come "sdoppiata" per cui è usuale confondere alcune lettere come H/N o F/P o C/O.
La correzione dell'astigmatismo con lenti è necessaria per evitare disturbi da affaticamento visivo come cefalea, bruciore e arrossamento oculare.

Dott.Silvia Collarino
...
zoom in

Sindrome di Marcus Gunn


D: Buongiorno, volevo un Suo parere per mia figlia di 6 mesi alla quale è stato riscontrata la sindrome di Marcus-Gunn ed una lieve ptosi all'occhio sinistro. Volevo sapere se c'è qualcosa che posso fare per migliorare o meglio ancora togliere la ptosi all'occhio e se ci sono interventi per la sindrome di Marcus-Gunn. Ringraziandola per la disponibilità le porgo i miei saluti

R: La Sindrome di Marcus Gunn è una discinesia oculo-mandibolare causata da una innervazione anomala del muscolo palpebrale da parte di un ramo del nervo trigemino che innerva appunto la mandibola, per cui al movimento della masticazione corrisponde un'apertura e chiusura della palpebra.

La ptosi associata può essere lieve, moderata o grave. Se, come Lei scrive, l'entità della ptosi della sua bambina è lieve non si interviene chirurgicamente, tantomeno a sei mesi. Di solito l'intervento si rimanda ad età perlomeno adolescenziale ma solo nei casi di ptosi moderata o grave.

Non è troppo presto invece per considerare il rischio di ambliopia ovvero di occhio pigro che si può instaurare anche a sei mesi. La ptosi palpebrale infatti, chiudendo parzialmente l'occhio può impedire il corretto sviluppo dell'acuità visiva ma solo se tale "chiusura" coinvolge l'asse visivo e questo non succede mai se la ptosi è definita "lieve".
Quello che Le consiglio quindi è di controllare periodicamente con visite oculistiche l'entità della ptosi e lo sviluppo dell'acuità visiva. Può essere utile da parte dei genitori creare una documentazione fotografica. Spero di esserLe stata utile.

Dott.sa Collarino


...
zoom in

Prescrizione "sconsigliata"


D: Salve, dopo una visita oculistica presso l'ospedale, il medico ha prescritto alla mia bambina di 3 anni un collirio da mettere 2 volte al giorno, a causa di una congiuntivite allergica. Nel foglio illustrativo l'uso nei bambini in età pediatrica è controindicato.
Come comportarsi in questi casi? E perché il medico ha prescritto un medicinale controindicato?
Grazie



R: Riguardo alle controindicazioni in determinate categorie quali i bambini, le donne in gravidanza e allattamento sono pochi i farmaci che danno la sicurezza e riportano sul foglietto illustrativo l'indicazione pediatrica.
Questo perché nella maggior parte dei casi non vengono fatti studi sulla tollerabilità, l'efficacia ma soprattutto gli effetti collaterali di un determinato farmaco proprio sui bambini o sulle donne in gravidanza: chi sottoporrebbe suo figlio a uno studio per valutare gli effetti collaterali di un farmaco?
Le case farmaceutiche quindi non si prendono la responsabilità di dire se un farmaco è indicato oppure no per esempio nei bambini se non sono presenti studi clinici approvati dall'AIFA.
Esistono comunque molti farmaci che hanno riportata nel foglietto illustrativo l'indicazione pediatrica (pochi tra i colliri, ma ci sono).
Il suo oculista quindi non ha prescritto un collirio "dannoso" a sua figlia ma se le riferirà il suo dubbio, sicuramente saprà consigliarle qualche altro nome commerciale indicato anche in età pediatrica.

...
zoom in

Macchioline sugli occhi


D: Gentile Dottoressa sono una mamma preoccupata di un bimbo che compirà quattro anni ad aprile, le scrivo per chiederle un parere.
Mio figlio da quando è nato ha delle macchioline grigiastre sulla sclera, il pediatra non ha mai sollecitato una visita oculistica per questa cosa, ma dopo essermi imbattuta su internet in articoli terrificanti, oggi ho portato il bambino dall' oculista. Dopo averlo visitato ha riscontrato nell'occhio destro ad ore 3 ad ore 9 e ad ore 12 e nell'occhio sx ad ore 9 e ad ore 12, ciò che lui ha definito come tenui pigmentazioni.
Mi ha detto di stare tranquilla che sono tipiche delle persone con gli occhi scuri, ma cosa vuol dire? È pericoloso? Sono un po' preoccupata, lei cosa ne pensa? Aggiungo che le ha dalla nascita e non sono mai variate, io le noto perché lo so ma diversamente quasi non si notano...
attendo un gentile riscontro.
Grazie

R: Salve, se sono di colore grigio probabilmente si tratta di "scleromalacia" cioè assottigliamento della sclera. Il colore dipende dal fatto che traspare la tunica vascolare dell'occhio, sottostante appunto la sclera, che si chiama coroide.
E' una condizione benigna e riscontrabile in tante persone, a volte associata a celiachia, a volte a anemia da carenza di ferro, ma comunque non patologica. Su internet probabilmente si è imbattuta in casi di scleromalacia associate a condizioni ben più gravi che suo figlio mi sembra proprio non avere.
E' importante che Lei abbia specificato la non mutabilità delle macchioline: è utile a volte documentare il quadro fotograficamente in modo da poterlo monitorare nel tempo.
Se il suo oculista non ha richiesto indagini ulteriori stia pure tranquilla.
Dott.sa Silvia Collarino

...
zoom in

Occhiali: sì o no?


D: Dopo una visita specialistica a mia figlia di tre anni è stato diagnosticato un astigmatismo di +0,50 e +0,50 con asse di 70.
La bimba ha lamentato fastidio agli occhi con lacrimazione in prossimità delle ore serali. L'oculista le ha misurato la vista con l'ottotipo per bambini, quello con le E rovesciate in tutte le posizioni, e quando le E sono diventate piccole qualche errore è capitato ma anche la voglia di collaborazione poteva iniziare a venire meno. Problemi di altra sorta non ce ne sono o comunque non sono stati riscontrati dallo specialista.
Vorrei sapere secondo Lei se devo farle gli occhiali o no... ci sono diverse correnti di pensiero...
Grazie mille.


R: Un astigmatismo regolare di +0,50 diottrie non è un difetto elevato, non si corregge se la vista è buona e se non ci sono sintomi tipo mal di testa o sensazione di affaticamento.
Non sapendo quanto vede la sua bambina mi è difficile capire se la correzione è indicata o no, soprattutto sarebbe utile sapere se con la lente che corregge l'astigmatismo la vista migliora. In quel caso la correzione è indicata. Se ancora la bambina non collabora alla misurazione della vista allora si può ricontrollare tra 3 o 6 mesi.
Dott.sa Silvia Collarino

...
zoom in

Leggera ipermetropia con strabismo


D: Gentile Dottoressa, mia figlia di due anni e mezzo presenta strabismo e ipermetropia di due diottrie. E' possibile che quest'ultima possa migliorare spontaneamente? Potrà in futuro togliere gli occhiali dal momento che è di lieve entità? E il bendaggio di solito fino a quando si effettua ?
Grazie


R: Sì, effettivamente è probabile che un'ipermetropia di 2 diottrie a due anni e mezzo regredisca con la crescita e quindi non necessiti di correzione, soprattutto se la bambina vedrà bene senza occhiali e sarà assente strabismo o cefalea; comunque le visite di controllo nel tempo daranno un'indicazione su cosa fare.
A proposito dell'occlusione direi che si prosegue fino ad ottenere l'alternanza nell'uso dei due occhi e il miglior visus possibile.
Quanto tempo è necessario per arrivare al visus massimo non glielo saprà dire nessuno perché dipende in gran parte dagli occhi della sua bimba e da come reagisce alla terapia.
Ottenuto il risultato desiderato è probabile che il suo oculista scelga di non levare la benda da un giorno all'altro ma di diminuire gradualmente le ore di occlusione giornaliera o di passare a una penalizzazione più leggera e meno invasiva.
Spero di esserle stata utile, in ogni caso non esiti a contattarmi per qualsiasi chiarimento

Dott.sa Silvia Collarino



...
zoom in

Strabismo


D: Sono la mamma di una bambina di due anni e 9 mesi che all'età di circa due anni ha cominciato a manifestare episodi di strabismo.
Al controllo effettuato a ottobre l'oculista ha rilevato una scompensazione dello strabismo convergente e ha quindi sottoposto la bimba a visita oculistica dopo tre giorni di atropina a casa.
La diagnosi è stata strabismo convergente e leggera ipermetropia. Le sono stati prescritti lenti con sf +2 in entrambi gli occhi e occlusione per 3 ore al giorno all'occhio sinistro. Con gli occhiali il difetto si nota ancora molto. La mia bimba dopo un mese è stata di nuovo dell'oculista per vedere se procedere con l'alternanza del bendaggio. Per la prima volta ha eseguito la lettura delle figure sul tabellone.
E' possibile secondo Lei ricorrere già ad un eventuale intervento chirurgico per la correzione estetica del difetto?
La ringrazio e la saluto cordialmente

R: Consiglio di misurare la vista di nuovo tra 3 mesi magari con più precisione dal momento che la bambina sarà un pochino più grande.
La correzione del vizio refrattivo è la prima cosa da fare quando è presente lo strabismo quindi il suo oculista ha fatto bene a prescrivere gli occhiali e l'occlusione, come le avrà spiegato, serve a far usare forzatamente l'occhio deficitario.
L'alternanza di fissazione è un ottimo risultato perché vuol dire che la sua bambina non guarda solo con l'occhio "buono" ma usa in maniera alternata entrambi gli occhi.
L'intervento chirurgico nel suo caso è già possibile, ma riguardo al "timing" dell'intervento non esistono linee guida e le scuole di pensiero sono diverse.

Silvia Collarino
377/4266353
silviacollarino@hotmail.com
www.docvadis.it/msilvia-collarino

...
zoom in

In piscina: con gli occhialini o no?


D: Gent.ma Dott.sa Collarino,
abbiamo appena iniziato i corsi di nuoto e ci è stato consigliato dagli istruttori di non far utilizzare ai bimbi gli occhialini in modo che si abituino a guardare sott'acqua anche in assenza di questi.
Potrebbe per cortesia darmi un parere in merito? Grazie

R: Dando per scontato che il bambino non abbia un evidente vizio refrattivo per cui necessita di correzione anche durante il nuoto (esistono occhialini graduati), gli occhialini svolgono solo un ruolo di protezione.
Il contatto con l'acqua della piscina può provocare arrossamento, bruciore e lacrimazione che si presentano in misura maggiore o minore in tutti i bambini. Questi sintomi scompaiono dopo qualche ora allorché la fisiologica lubrificazione dell'occhio elimina tutte le sostanze irritanti, principalmente il cloro; alcuni bambini hanno occhi particolarmente delicati e sensibili per cui anche un breve contatto con l'acqua della piscina può risultare molto fastidioso, ma di solito con l'aiuto di "lacrime artificiali" o colliri antinfiammatori si risolve.
Il suo oculista saprà consigliarle qualcosa al riguardo.
Stare con gli occhi aperti sott'acqua è sicuramente più "naturale" e se questo aiuta ad imparare più velocemente a nuotare, si può affrontare anche a scapito di occhi rossi, soprattutto se il bambino non si lamenta.
Se al contrario il fastidio e il bruciore sono insopportabili, allora anche l'istruttore preferirà fare indossare degli occhialini al bambino pur di farlo partecipare serenamente alla lezione.

Dott.sa Silvia Collarino

...
zoom in

Gli occhiali da sole


D: Buongiorno Dott.sa Collarino, la stagione estiva si è conclusa ma mi è rimasta una curiosità rispetto all'uso degli occhiali da sole da parte dei bambini.
Lei che ne pensa? Sono veramente indispensabili? E se il bambino non li accetta?
La ringrazio, Anna

R: La ringrazio per aver sollevato una questione che mi sta a cuore e che purtroppo ancora non rientra nelle comuni abitudini di prevenzione.
Oggi è scontato usare una crema solare per proteggere la pelle, ma è allo stesso modo importante proteggere l'occhio dalle radiazioni UV. Queste infatti sono considerate una delle più frequenti concause di patologia visiva quali cataratta e degenerazione maculare. E' utile abituarsi fin da piccoli a una protezione evitando soprattutto nei mesi estivi l'esposizione nelle ore centrali della giornata e utilizzando occhiali da sole adeguati. Esistono lenti protettive per i più piccoli, ma se il bimbo non le tollera può essere utile utilizzare almeno un cappellino con la visiera.

Dott.sa Collarino

...
zoom in

Congiuntivite: allergica o batterica?


D: Mio figlio di 8 anni è allergico al cipresso da diversi anni.
Gli diamo il collirio antistaminico oltre ad uno spray per il naso.
Il collirio però sembra che non stia funzionando più. Son tre giorni che ha gli occhi arrossati, gonfi e pieni di cispe, tanto che non gli si aprono al mattino.
Cosa è meglio fare?
grazie
E


R: Se il bambino ha secrezione vuol dire che ha una congiuntivite batterica.

Ci vuole un collirio antibiotico. La pulizia e l'igiene degli occhi è fondamentale: eliminare spesso le secrezioni, lavarsi le mani, asciugarsi gli occhi con carta igienica o scottex monouso, non usare asciugamano etc etc

PS: il collirio antistaminico può continuare a metterlo così è coperto anche per l'allergia.

Dott.sa Collarino

...
zoom in

Visita oculistica: a che età?


D: Io e il mio compagno siamo miopi.
Nostro figlio fa il primo anno di scuola dell'infanzia e non mi pare che veda male. Ma quando è necessario farlo controllare?
Grazie
Annamaria

R: Dopo il primo screening visivo alla nascita, la prima visita oculistica è prevista ai 3 anni.
A questa età il bambino è in grado di riconoscere e nominare i disegni di un ottotipo, collaborare con lo specialista che gli sottopone semplici test. E' possibile valutare,con l'ausilio di gocce che dilatano la pupilla, se sono presenti vizi refrattivi (miopia, ipermetropia e astigmatismo) da correggere con gli occhiali.

Cordiali saluti
Dott.sa Collarino

...
zoom in

Occhio pigro


D: Gentile Dottoressa
mio marito ha l'"occhio pigro". C'è il rischio che possa averlo anche mia figlia?
Grazie
Maria Stella


R: Salve Maria Stella,
assolutamente sì!
L'ambliopia (occhio pigro) ha una certa ereditarietà per cui è necessario controllare fin da piccoli i bambini. Spesso il bimbo ambliope non si accorge di esserlo perché vede bene con tutti e due gli occhi aperti ma quando si chiude l'occhio migliore l'acuità visiva è molto ridotta.
Se diagnosticata in tempo l'ambliopia si può curare ma i risultati migliori si ottengono se il trattamento viene iniziato precocemente.

Dott.sa Silvia Collarino

...
zoom in

Non lacrima!


D: Buongiorno Dott.ssa,
ho una bimba di 3 anni e 4 mesi. Da quando è nata tutte le volte che piangeva, ma anche adesso ch è più grande, se si fa male piange ma non le esce neanche una lacrima da entrambi gli occhi. Ho chiesto e fatto controllare più volte a diversi pediatri... mi hanno risposto che può avere una sacca lacrimale abbastanza grande da non riempirsi del tutto per far uscire la lacrima. Riamngo titubante e pongo a lei la domanda: perché non lacrima?
grazie

R: Dando per scontato che i pianti della bimba non siano "bizze" ci sono pochi casi in cui le lacrime sono del tutto assenti (alacrimia) in un bambino.
L'alacrimia congenita è una condizione molto rara di bambini nati senza o con ghiandole lacrimali poco sviluppate.
In alternativa una alterazione nell'innervazione della ghiandola lacrimale dovuta a una patologia del sistema nervoso autonomo può causare assenza di lacrimazione riflessa.
In entrambi i casi la diagnosi si fa in sede di visita oculistica mediante esami strumentali e test di provocazione della lacrimazione.
Le lacrime comunque non sono presenti solo quando piangiamo ma sono necessarie a rendere umida costantemente la superficie oculare. E' importante quindi stabilire se esista una situazione di secchezza oculare (molto frequente nell'adulto) la quale si accompagna a segni e sintomi ben precisi e spesso molto fastidiosi che mi pare non siano presenti nel caso della sua bambina.
Dott. sa S.Collarino

...
zoom in

Gli lacrima un occhio


D: Gentile Dottoressa
il mio bambino che ora ha un anno e mezzo, purtroppo ha sempre avuto un problema all'occhio destro. Fin dalla nascita ha sempre lacrimato quasi di continuo.
Cosa devo fare? Passerà?
Grazie mille
Luana

R: Cara Luana
probabilmente si tratta di una ostruzione della via lacrimale, molto comune nei bambini. Spesso bilaterale è presente dalla nascita e nel 90% dei casi si risolve da sè con la crescita. E' necessario lavare spesso il naso ed eseguire dei massaggi lungo la via lacrimale alla radice del naso per favorire la riapertura dei canali lacrimali. Si ricorre alla terapia antibiotica locale solo se presente una congiuntivite diagnosticata dall'oculista.

Dott.sa Silvia Collarino

...

Newsletter

(c) 2019 Tutti i diritti riservati - P.IVA 06038670482 - Concept, progetto grafico e gestione contenuti: Elisa Staderini