Fiorentini si Cresce

... sulle associazioni



Sembra che la società odierna si basata sul motto dei romani Divide et impera. E se invece diventasse Condividi e cresci? Di Margherita Pink

Oggi la mia riflessione è un pò critica, ma ritengo che vada fatta anche questo tipo di disamina ogni tanto. Mi capita spesso muovendomi e curiosando nel territorio fiorentino, di incappare in eventi ed incontri organizzati da più associazioni, che mi piace conoscere e comprendere. Io stessa sono presidente di un'associazione, e organizzo incontri con lo scopo di "restituire le persone a se stesse e alla gioia della vita". Questi momenti di scambio e aggregazione sono per lo più gratuiti, e per quanto mi riguarda ci investo energie, tempo, denaro e comunque il mio grande entusiasmo, che cerco di mettere a disposizione degli associati e di chi ne è interessato.
Spesso, ho tentato di coinvolgere altre associazioni, nella realizzazione degli eventi, perché credo sia fondamentale creare sinergie, ma altrettanto spesso, per non dire sempre, non rispondono neanche alle mail che invio, e se cerco di creare una condivisione trovo solo chiusura. Mi domando dove si voglia andare in questo modo; tutti vogliamo un mondo migliore ma non abbiamo voglia di uscire dal nostro guscio, ascoltare gli altri, curiosare, e sopratutto abbiamo paura di "svelare" chissà quali segreti, o di perdere il nostro pubblico più o meno affezionato, non consapevoli che se non facciamo girare le informazioni rimaniamo nella chiusura e nel circolo vizioso di "me lo faccio, me lo racconto e me lo tengo stretto".

Stavo pensando che andrebbe organizzato per ogni provincia, un sito web, che raccoglie le innumerevoli associazioni e che dia la possibilità di creare sinergie, scambi, condivisioni ed automaticamente essere davvero in linea con lo spirito associativo ovvero: "Insieme di persone riunite, organizzate e operanti per il conseguimento di un fine comune".
Curiosando nel web ho trovato un sito che si avvicina a quello che intendo : www.nonprofit.viainternet.org ma non è così fruibile e si trova davvero di tutto, anche le pompe funebri!

Sembra che la società odierna si basata sul motto dei romani Divide et impera (in italiano «dividi e domina»), lasciando a pochi il controllo della massa, e relegando la stragrande maggioranza delle persone alla chiusura e alla paura di sperimentare e curiosare. Anche le associazioni, che sono una realtà importante e che fa molte cose lodevoli sul territorio nazionale ma anche europeo, sembrano seguire questa modalità (di chiusura), quando invece divulgare anche attraverso le altre entità associative i propri obiettivi, potrebbe creare delle sinergie inaspettate e importanti.

Spero che il motto del futuro sia: "Condividi e cresci". Secondo l'ISTAT in Italia abbiamo circa 40 mila istituzioni suddivise in diverse tipologie: associazioni culturali, sportive e ricreative, cooperative sociali, fondazioni, enti ecclesiastici, organizzazioni di volontariato, organizzazioni non governative, sindacati, istituzioni di studio e ricerca, di formazione, mutualistiche e sanitarie... ma credo che poche di queste "si parlino" (fonte alla data del marzo 2017: http://www.istat.it/it/archivio/192617).

Altro link interessante: http://www.tuttononprofit.com/2016/03/perche-costiuire-associazione-cosa-comporta-come-deve-essere-gestita.html, del resto molte cose grandi e belle, sono partite dalle idee di un piccolo gruppo di persone, a volte da un uomo o una donna, per poi diventare qualcosa di meraviglioso e utile per dare senso alla vita del singolo ma anche del prossimo.

UNA FRASE BELLA PER CONCLUDERE: Ho imparato che le persone possono dimenticare ciò che hai detto, le persone possono dimenticare ciò che hai fatto, ma le persone non dimenticheranno mai come le hai fatte sentire. (Maya Angelou)


Newsletter

(c) 2018 Tutti i diritti riservati - P.IVA 06038670482 - Concept, progetto grafico e gestione contenuti: Elisa Staderini