Home - Tempo Libero - Misteri e leggende

Alla vigilia di Ognissanti torna il fantasma di Baldaccio d'Anghiari

Nel 1441 Palazzo Vecchio fu lo scenario di un assassinio: da allora, ogni cinquanta anni, Baldaccio ricompare in arme da condottiero per cercare giustizia, proprio la notte di Halloween. Ma chi era quest'uomo?
E' noto come nei luoghi dall’antica storia aleggino spettri, fantasmi e ombre inquietanti che non hanno ancora trovato pace nell’aldilà. Palazzo Vecchio è proprio uno di questi.
Ogni anno, alla vigilia di Ognissanti, si ricorda una storia spaventosa legata appunto a questo palazzo: il fantasma infestatore di Baldaccio d’Anghiari.

Baldo di Piero Bruni, detto Baldaccio Bruni o Baldaccio d’Anghiari, è stato un condottiero che visse nei primi quaranta anni del 1400 tra Anghiari e Firenze e che per la sua natura irruenta fu nominato Baldaccio. Ebbe molti problemi con la giustizia, fu addirittura condannato a morte per omicidio, ma non fu mai catturato. Divenne un soldato mercenario: proteggeva e combatteva per chi pagava di più. La sua fama di guerriero crebbe a tal punto che gli furono annullate tutte le sue condanne e addirittura... gli fu concessa la cittadinanza fiorentina!

L'astro nascente nella politica fiorentina Cosimo il Vecchio, cominciò a temere questo condottiero, tanto da ordire un complotto per liberarsene. Così, il 6 settembre 1441, Baldaccio fu pugnalato a morte nella Torre di Arnolfo. E come monito per tutti i nemici della fazione Medici, il suo corpo esangue fu gettato da una finestra e trascinato in Piazza della Signoria, dove gli fu tagliata la testa. In seguito fu sepolto nella basilica di Santo Spirito a Firenze.

Da allora, il fantasma di Baldaccio aleggia ogni cinquant’anni nel castello dei Sorci ad Anghiari, proprio nel giorno della ricorrenza della sua morte. Ma questa non è l’unica manifestazione. Lo spettro torna infatti durante la vigilia della festa di Ognissanti e gira fra le sale di Palazzo Vecchio.
Nel luglio del 2001 probabilmente è apparso sul Ponte Vecchio a un ragazzo fiorentino, che incredulo, ha fissato con una fotografia l’immagine di un uomo in arme e adirato. E il 6 settembre il fantasma del condottiero ha fornito ulteriore prova della sua presenza di nuovo al Castello di Anghiari. Si dice che voglia dimostrare la vile cospirazione dei Medici e che voglia avere giustizia.

Baldaccio d'Anghiari: un personaggio irrequieto in vita e anche nella morte.

Rachel Valle © 2015

Inserisci un commento Caratteri rimasti:
Nome
EMail
Permetti la pubblicazione del tuo indirizzo email
Letto e Compreso Privacy
 
 
 
 
 
 
Gli eventi per famiglie
Disclaimer           Ufficio Stampa
(c) 2013 Tutti i diritti riservati - P.IVA 06038670482 - Concept, progetto grafico e gestione contenuti: Elisa Staderini