Fiorentini si Cresce

Il condominio di Setola


Paola Vergari ci accompagna ancora nel mondo delle magistrelle, questa volta nel condominio pazzerello di Setola, dove vivono buffissimi personaggi. Quale sarà l'idea di Setola per la prossima riunione di condominio?
Dove
Quando
  
Ingresso
Contatti
Tel:
Fax:
Consigliato a

Vi racconto un po’ di me. Mi chiamo Setola e vivo con i miei genitori e Impero il mio cane, in un condominio stramatto, ma potrei definirlo anche magico.
Al piano terra c’è Frisona, la signora dei cani. E’ molto buffa con una faccia enorme, il naso da cane e gli occhi di pernice. Inoltre ha le gambe storte, con una grande pancia. Frisona è la più simpatica di tutti e ne sa sempre una più divertente di un’altra. Ma soprattutto è speciale, perché salva i cani dagli umani che li maltrattano, dando anche delle sonore lezioni a quei prepotenti senza cuore.  
Al secondo piano invece ci sono: Belulla magistrella e il mitico Fiorditorta una coppia stralunata e male assortita.
Belulla va tutto il giorno in bicicletta per tenersi in forma. Ha la faccia di una volpe con le orecchie e il naso affilato, porta pure la coda, gigantesca e spumosa. Al posto delle mani ha due chele terrificanti, con le quali dà i pizzicotti ai passanti, che non la fanno passare. Suo marito è invece un cuoco sopraffino con la testa di lumaca e la coda di volpe, conosce le ricette più golose come il famoso timballo di stelle e scaglie di serpente; una vera specialità, che cucina il lunedì mattina. Si sente un profumino quando passo davanti alla sua porta, che mi fa venire l’acquolina in bocca.
Al terzo piano Trocus, un vecchio magicozzo, vive chiuso in casa e colleziona lampadine usate che appende ai muri. Proprio un tipo strano mezzo picchio e mezza quercia, ma è pronto ad aiutare e risolvere i problemi degli altri.
Al quarto piano volteggia Smema, una magistrella un po’ sbadata, sempre indaffarata a cui cadono molte cose dalla finestra ai piani sottostanti. Tutti vanno a protestare e lei per farsi perdonare, canta delle canzoni allegre per i bambini più piccoli. E’ una coccinella con la testa piccola e il corpo enorme con sotto due zampette corte, corte.
La sua Canzoncina preferita è questa:
Noi viviamo veramente,
In un mondo parallelo,
Tu non puoi vedere niente,
Ma cantiamo e balliamo.
E mangiamo le granelle con le scaglie di serpente.
È un mondo all’incontrario,
Prima vecchi e poi bambini.
Sai nasciamo saputelli,
Poi pian, pian, dimentichiamo,
Fino a quando piccolini,
Nel tuo mondo arriviamo.
Smema la sussurra ogni mattina prima di andare a dormire e ogni notte quando si alza per andare a raccogliere spaghetti sulla collina.
E infine al primo piano ci vivo io con la mia famiglia.
Sono un’aspirante magistrella faccio molti pasticci ma sto diventando sempre più brava, da quando Impero è con me. Me lo ha regalato Frisona un giorno che mi ha trovato nel cortile a piangere.
Mi disse: Setola da oggi non avrai più da piangere, Impero sarà sempre con te e ti proteggerà.
Ma all’ultimo piano sulla mansarda alta e bislunga, stavo dimenticando… non immaginate chi?
Certo, proprio lei, la mia amica Dubia. Che poi lei non è amica di nessuno. Vuole sentirsi la più importante e ha preteso di abitare sopra a tutti, per controllare quel che si fa.Ha preso in mano il condominio e detta regole e giudizi, spesso noiosi e contorti.
Come per esempio una settimana fa: ha indetto la riunione e dettato la sua regola e siccome son tutti un po’ spaesati quando parla lei, adesso non si può saltellare sulle scale ed è anche proibito parlare tra il primo e il secondo piano. Ma c’è anche un’altra regola che di sicuro non ricorderò mai, quella di aprire le finestre e dire tre volte “tre” alla mattina e tre volte “non c’è” alla sera. Un vero supplizio.
Per fortuna la mia mamma che è buonissima, si ricorda sempre tutto e non mancherà di farlo.
Dubia, non mi piace quando si dà le arie, ma in fondo le voglio bene e so che può insegnarmi tante cose. Infatti non c’è nessuno competente, efficiente e al dente, come lei.
Per finire il mio babbo e la mia mamma sono proprio i più belli. La mia bellissima mamma si chiama Damante, ha il volto trasparente e come un brillante ha mille facce riflettenti. I piedi, sono perfetti da orsa marsicana che lascia impronte profonde sul sentiero che intraprende. Mio padre poi è il più bel magicozzo mai visto e con le sue ali di pipistrello è elegantissimo. Al posto delle gambe, ha due canne di bambù flessibili e lunghissime con le quali può percorrere chilometri in un soffio.
Alla prossima riunione condominiale, voglio dare un nuovo ordine del giorno: ognuno deve scoprire i propri talenti, così da colorare e far brillare il condominio in modo permanente.
Sicuramente con l’aiuto di Impero lo faremo diventare il più all’avanguardia del quartiere e sveglierà tutti i condomini accanto a noi. Dubia ci resterà di sasso alla mia proposta, ma son certa che tutti mi appoggeranno. Se ne vedrà delle belle, penso io.
Ciao e alla prossima.
La vostra Setola

Paola Vergari


Newsletter

(c) 2018 Tutti i diritti riservati - P.IVA 06038670482 - Concept, progetto grafico e gestione contenuti: Elisa Staderini