Home - Spazio Salute - L'alternativa... olistica

Primavera: tempo d’allergie… o c’è dell’altro sotto?

Quante volte sento raccontare di bambini con occhi che si arrossano e nasini che colano, soprattutto in questa stagione. "Ma per forza… è periodo di fioritura!" dicono alcune madri all’uscita dalla scuola. "Sai com’è… i pollini delle graminacee si fanno sentire e mio figlio starnutisce!"
C’è chi accusa sintomi più o meno marcati di quelle che definiamo comunemente allergie. Ma è possibile guarire in modo naturale? E. Staderini
Dove
Quando
  
Ingresso
Contatti
Tel:
Fax:
 
 
Consigliato a
Mio marito Jacopo ne ha sofferto per più di 40 anni. Ricordo che nella primavera del 1999, quando l’ho conosciuto, bastava solo avvicinarsi a un prato per fargli gonfiare il volto e diventar color porpora. Il naso gli si tappava all’istante e cominciava a lacrimare. E a condire il tutto, salivano fortissimi mal di testa. Fin da bambino ha provato un po’di tutto: dagli antistaminici al cortisone, dai suffumigi alla camomilla ai vaccini sublinguali. Sembrava destinato a invecchiare così, odiando l’arrivo della bella stagione dei fiori per via di quello che per lui significava.

Poi un giorno abbiamo scoperto l’equilibrio emozionale che ha cambiato le carte in tavola. Con l’emotional balance abbiamo iniziato a comprendere pian piano che la malattia può essere una mancanza di equilibrio nel sistema di chi si ammala. In pratica, quando non c’è armonia a tutti i livelli, il fisico ne risente e viene fuori il sintomo. Sapete qual è stata la cosa più sorprendente di tutte? Scoprire che la stragrande maggioranza delle malattie possono essere causate e alimentate da pensieri negativi che facciamo nel nostro cervello! Oltre che da traumi che ci portiamo tipo zavorre da chissà quando e da credenze limitanti installate nell’inconscio, magari da quando eravamo piccolissimi.
Andando a lavorare sui meridiani energetici riconosciuti dall'agopuntura e dallo shiatzu, semplicemente picchiettando con le proprie dita su alcuni punti del corpo, è possibile trasformare le emozioni negative trattenute nella memoria cellulare e lasciarle finalmente andare, dando così l’avvio all’auto-guarigione.

Vi posso garantire che ero scettica, forse più di voi che state leggendo in questo momento, magari mentre scuotete la testa... Sta di fatto che mio marito è guarito dalla sua “allergia alla primavera” proprio in questo modo. Certo, allora mi sembrò una magia incredibile e per verificare il suo stato lo portai a giro per giardini e boschi. Si sente così bene senza dover ingerire nessun farmaco, che ad oggi siamo in procinto di trasferirci in campagna e realizzare questo mio grande sogno.
Per noi l’alternativa olistica alla medicina ha funzionato così tanto da spingermi a studiare e frequentare corsi e seminari, diventando una soddisfatta operatrice in questo campo.
Questa tecnica non vai mai a sostituire le terapie ufficiali, ma sicuramente è un valido supporto e un ottimo strumento per innescare il processo di guarigione da tanti disturbi.
E poi è così facile e divertente! Anche nostro figlio si picchietta i suoi punti speciali quando è arrabbiato o se invece sente di essere triste. Per lui è diventato un gioco da fare con noi oppure da solo, perché sa che poi starà subito meglio.

Elisa Staderini


LEGGI EQUILIBRIO EMOZIONALE


LEGGI appronfondimento trattamento allergie
Inserisci un commento Caratteri rimasti:
Nome
EMail
Permetti la pubblicazione del tuo indirizzo email
Letto e Compreso Privacy
 
 
 
 
 
 
Eventi per famiglie con bambini a Firenze
Disclaimer           Ufficio Stampa
(c) 2013 Tutti i diritti riservati - P.IVA 06038670482 - Concept, progetto grafico e gestione contenuti: Elisa Staderini