Home - Spazio Salute - L'alternativa... olistica

Back to school

Cosa dire ai nostri figli? Quali pensieri esprimere, cosa augurargli e cosa raccomandare loro? Cosa è davvero importante? Buon anno scolastico a tutti! Di Elisa Staderini
Dove
Quando
  
Ingresso
Contatti
Tel:
Fax:
 
 
Consigliato a
La sera prima del rientro a scuola mio figlio era un po' agitato dal pensiero della mattina dopo. In fondo dopo una lunga estate fatta di giochi, mare e libertà, è difficile rientrare nelle regole scolastiche tra doveri e obblighi.
Così, subito prima di dormire, mi ha chiesto di tranquillizzarlo in modo da potersi rilassare e lasciare andare la preoccupazione.
E mentre lo accarezzavo sulla testa, mi sono chiesta quali parole scegliere, quali concetti fossero adatti e utili da far emergere.
Ci sono così tante cose da dire ai figli...

Ho scelto di ricordargli il suo potere infinito: lui può scegliere di essere se stesso. Sempre.
Gli ho detto che potrà realizzare qualunque cosa durante quest'anno scolastico e durante la sua vita, se solo vorrà! 
Ho scelto di dirgli che tutti gli obiettivi partono dai sogni e che sognare è la chiave della felicità.
Ho scelto di dirgli di credere nella magia, perché lui è un potente creatore della realtà.
Gli ho detto che a volte qualcosa andrà storto, ma che gli errori sono la nostra guida verso la grandezza. E quindi ben vengano!
Ho scelto di ricordargli che a scuola, cosi come nella vita, non ci sono vincitori né vinti. Quello che conta è l'impegno con cui si affrontano le sfide. Non siamo mai in lotta, non dobbiamo sentirci competitivi ma uniti. Tutti insieme per imparare e andare avanti.
Ho scelto di dirgli che le ragazze meritano il rispetto e la devozione e che non devono essere salvate da nessuno se non da loro stesse.
Ho scelto di dirgli che i ragazzi, anche se piangono, restano comunque maschi.
Gli ho detto che i voti sono solo numeri, non sono "lui".
Gli ho ricordato che crescere è il lavoro più delicato e più ricco di soddisfazioni che ci sia.
Ho scelto di dirgli di essere pronto a difendere e ad aiutare. Perché quello che fai ti torna sempre indietro.
Gli ho detto che non si deve accontentare di accettare passivamente la vita, ma realizzarla come la desidera. Che la sua realtà se la crea da solo, con i propri pensieri e quindi è meglio che se la crei meravigliosa!
Gli ho ricordato che esiste il perdono, che non tutti i compagni saranno sempre li, alcuni andranno e altri arriverrano. Ma che l'amicizia è un enorme dono dell'universo, perché senza gli altri non possiamo procedere con equilibrio.
Gli ho detto che anche se dentro ha già tutto quello che gli serve, chiedere aiuto è comunque un suo pieno diritto. E che questo non lo renderà meno "macho".
Gli ho ricordato che esiste la sofferenza. Ma che come arriva, poi passa. E allora ne resta solo il ricordo e la grande forza che gli avrà insegnato.
Ho scelto di dirgli che ora inizia una nuova avventura, e che nel giro di un baleno lui potrà allontanarsi e andare anche molto lontano... Ma che io e suo padre saremo sempre qui, quando vorrà tornare. Saremo sempre qui, qualunque cosa accada.
Infine gli ho detto di correre, saltare ed essere sempre entusiasta di ogni momento. Non esiste un giorno più bello in assoluto, tutti possono esserlo. Rimanere ancorati nella gioia: ecco il segreto!

Buon rientro a tutti gli alunni e a tutti gli studenti: Che questo sia un nuovo anno pieno di gioia!
Elisa Staderini

Inserisci un commento Caratteri rimasti:
Nome
EMail
Permetti la pubblicazione del tuo indirizzo email
Letto e Compreso Privacy
 
 
 
 
 
 
Eventi per famiglie con bambini a Firenze
Disclaimer           Ufficio Stampa            Privacy Policy
(c) 2013 Tutti i diritti riservati - P.IVA 06038670482 - Concept, progetto grafico e gestione contenuti: Elisa Staderini