Home - L'esperto risponde - Sportello Psicologia

S.O.S Famiglia allargata

 
Buongiorno Dott.ssa Annalisa Pericoli
Questo contatto mi è stato dato da una cara amica che ha già avuto modo di parlare con Lei e ne è rimasta estremamente soddisfatta.
Cercherò di esporle nel modo più semplice e conciso il mio problema:

Sono separato da 3 anni, e ho una bimba di 7 anni, la mia ex moglie vive felicemente con mia figlia e frequenta assiduamente il nuovo compagno e i suoi due figli e, ormai da qualche mese, ogni week-end che hanno i bimbi vivono tutti nella casa dove abita mia figlia. Fino a qui nulla di strano, io non ho problemi ad accettarlo e neanche mia figlia; il problema invece si è creato per quanto riguarda la mia vita privata in quanto mia figlia, che da ora chiamerò Beatrice, è estremamente gelosa, possessiva e morbosa nei miei confronti, accetta il fatto che io abbia una compagna anche se non vivo con lei, ma non sopporta nessun tipo di atteggiamento affettuoso nei suoi confronti, scenate per un bacio inviato da lontano, una presa di mano o una mano sul fianco.

Questo atteggiamento potrei anche capirlo in quanto Beatrice si dichiara essere la mia fidanzata, l’unico amore della sua vita… Per cui suppongo sia solo una questione di tempo, si abituerà alla sua presenza e crescendo avrà altri interessi e papà sarà papà mentre l’amore sarà altro… il vero problema si è creato con i figli della mia compagna, ha due maschietti uno di 5 e uno di 3, con quello di 5 nessun problema, giocano insieme quando è capitato di vederli, piccoli screzi tra bimbi, tutto nella norma… il problema è il piccino di 3 anni, nei miei confronti è molto affettuoso chiede di essere preso in braccio, mi chiama zio, mi cerca… e questo proprio Beatrice non riesce ad accettarlo… lo sgrida, gliene dice di tutti i colori gli fa continui dispetti, lo allontana spingendolo e fa a me scenate di gelosia, come se io amassi più lui che lei… inventando anche situazioni di confronto che non stanno né in cielo né in terra. Lei deve essere sempre la prima a fare tutto, l’unica al centro dell’attenzione e, non accetta il fatto che essendo il più piccino dovrebbe essere un po’ più tollerante nei suoi confronti.
Ovviamente questi comportamenti hanno destabilizzato anche il mio rapporto di coppia con la mia compagna che giustamente vuole tutelare i suoi figli e ora, non riesce a vedere soluzioni per il futuro, pensando persino di lasciare perdere la nostra storia… La cosa che mi lascia perplesso è comunque il comportamento di Beatrice quando non vede i bimbi e la mia compagna, anche per telefono mi chiede sempre di loro, li cerca e mi chiede quando ci vediamo, come se nulla fosse successo, se fosse gelosa dovrebbe essere contenta che non li vedo e non li vediamo no? Ed invece li cerca sempre…

Per quanto riguarda la mia compagna invece, si arrabbia con lei perché, a suo modo di vedere le cose, mi lascia sempre solo… io vivo solo e mia figlia lo sa, e ogni sera per telefono mi chiede se c’è la mia compagna, quando le dico di no si arrabbia e rattrista perché non vuole che io stia solo, fa notare che lei sta con la mamma e quando lei non c’è la mamma ha il suo compagno, io invece sono sempre “triste e solo” per cui vorrebbe che io vivessi con la mia compagna visto che lei non può stare con me. Trovo questo comportamento molto contrastante, o sei gelosa e allora meno senti parlare di loro e meno sai che li vedo e più sei serena, o li vorresti nella mia vita ma non li accetti? Mi sono “abbassato” anche a parlare di questa situazione con la mamma della bimba, ma come unica risposta ho ottenuto che la colpa di tutto è mia che non la so gestire, che lei non riscontra nessun tipo di atteggiamento negativo, anzi, con lei è tutto perfetto. Ho provato diverse volte a parlare con Beatrice, rassicurandola del fatto che lei è la mia unica figlia, che la amo e che nessuno può prendere il suo posto, che non deve essere gelosa in modo cosi morboso e possessivo perché non ne ha motivo, che questo tipo di sentimento è negativo e non bello e positivo, al momento capisce, mi promette mari a monti ma poi in pratica si comporta all’esatto opposto di ciò che dice.
Confido in una sua analisi e magari qualche consiglio

La ringrazio anticipatamente
Cordialmente
Marco
 
Capisco la difficoltà nel gestire la situazione e la contraddittorietà degli atteggiamenti di Beatrice.
Mi sembra di capire che le ripercussioni che la preoccupano siano molteplici: nel vostro rapporto, in quello con la sua compagna, ed infine nelle dinamiche di famiglia allargata quando c'é anche l'altro bambino.
Se da una parte certe "gelosie" vanno accettate e messe in conto, come plausibili ad una certa età, e vista la situazione, dall'altra, andrebbe capito meglio come nascono e come sia il vostro rapporto.
Non vorrei dare interpretazioni affrettate, ma sembrerebbe che in tutti i casi, non tollerando le attenzioni verso la sua compagna o quelle da parte del figlio o preoccupandosi che lei non rimanga solo a casa, siano quasi accomunati da un bisogno di Beatrice di controllare e gestire le situazioni.
Le chiederei quindi come si sente quando sua figlia fa così?
Non riesco a darle una risposta semplice ed esaustiva. Le posso solo dire che a mio parere andrebbero indagate meglio le dinamiche che si creano e capire quando e come si sono instaurate.

Rimango a disposizione se avesse bisogno.
Saluti
Dott.ssa Annalisa Pericoli
 
Vedi le altre domande
 
 
 
 
 
 
Eventi per famiglie con bambini a Firenze
Disclaimer           Ufficio Stampa
(c) 2013 Tutti i diritti riservati - P.IVA 06038670482 - Concept, progetto grafico e gestione contenuti: Elisa Staderini