Home - L'esperto risponde - Sportello Psicologia

Odio il rosa!

 
Gentile dottoressa, mio figlio ha 8 anni ed è sempre stato un bambino irrequieto e capriccioso nonostante io e mio marito siamo abbastanza fermi e decisi e soprattutto uniti. È molto intelligente e sensibile ma sin da piccolo ha mostrato reticenze nel manifestare il suo affetto nei nostri confronti, rarissimi abbracci, ancora più rari i baci, etc... Se ci avviciniamo per dargli un bacio, china la testa e non possiamo far altro che darglielo sui capelli!
Abbiamo un'altra figlia di tre anni che gli ha insegnato ad essere più affettuoso e legato alla famiglia ma il vero problema è costituito dalla sua fobia verso qualsiasi oggetto da femminuccia, dal colore rosa (anche un tovagliolo rosa vicino a lui, lo fa piangere per ore!) ad una bambola a terra che gli chiedo di raccogliere per cortesia... o addirittura una volta gli ho chiesto di mettere la merendina nello zainetto fucsia della sorellina e si è rifiutato di toccarlo e ovviamente non l'ha fatto!
Non so come comportarmi, non credo sia un atteggiamento comune ad altri bambini e spero che Lei possa darmi qualche consiglio in merito. La ringrazio e La saluto cordialmente.
Luisa
 
Da quello che scrive sembra più una difficoltà con quello che riguarda la sorella.
Le "fissazioni" che mi ha descritto potrebbero derivare da un vostro atteggiamento rigido o poco incline all'emotività e affettuosità fin da quando era piccolo. Spesso con i primogeniti si è più attenti alle regole o a quelli che sono i retaggi familiari e culturali.
Probabilmente per aiutarlo dovreste partire da voi, dal vostro atteggiamento, rispettando comunque la sua reticenza verso certi aspetti, per poi aiutarlo ad avvicinarsi a quello che lo diaturba con meno ansia.
Spero di averle dato qualche spunto di riflessione

Dott.ssa Annalisa Pericoli
 
Vedi le altre domande
 
 
 
 
 
 
Gli eventi per famiglie
Disclaimer           Ufficio Stampa
(c) 2013 Tutti i diritti riservati - P.IVA 06038670482 - Concept, progetto grafico e gestione contenuti: Elisa Staderini