Home - L'esperto risponde - Sportello Psicologia

Lui piange, io mi agito

 
Salve, mio figlio di 2 mesi quando comincia a piangere e lamentarsi sembra inconsolabile. Io mi sento strana, mi agito e mi spazientisco. Spesso lo passo a mio marito. Con lui dopo un po' si calma e si addormenta. Come mai? Cosa sto sbagliando?
 
I bambini piccoli hanno solo un modo per comunicare il loro disagio, sia questo dolore, fame, sonno, paura o altro... piangono.
E' difficile, specialmente all'inizio capire quale sia la causa del pianto ed è quindi facile sentirsi inadeguati. In quanto mamme pensiamo di dover essere sempre capaci di comprendere cosa ha nostro figlio e di lenirne le sofferenze. Se abbiamo queste aspettative da noi stesse e non ci riusciamo, ci sentiamo frustrate e incapaci.
I bambini risentono molto dei nostri stati d'animo e può darsi che il sentirti in ansia lo agiti ancora di più. Prova ad osservare meglio tuo figlio per capire quale potrebbe essere il motivo del suo malessere, in modo da potergli dare il giusto aiuto. Cerca di studiare i suoi ritmi, in modo da capire se il pianto può essere di fame, sonno o ad esempio per mal di pancia.
Pian piano diventerai sempre più capace di sintonizzarti con lui e ti sentirai anche più sicura.

 
Vedi le altre domande
 
 
 
 
 
 
Eventi per famiglie con bambini a Firenze
Disclaimer           Ufficio Stampa
(c) 2013 Tutti i diritti riservati - P.IVA 06038670482 - Concept, progetto grafico e gestione contenuti: Elisa Staderini