Home - L'esperto risponde - Sportello Psicologia

E se a volte è molto triste?

 
Buongiorno, le scrivo in quanto mi trovo in una situazione molto difficoltosa e per me angosciante.
Il mio bimbo di 5 anni e mezzo frequenta il terzo anno della scuola materna. E'stato oggetto di atti di bullismo, sia fisici che morali, ce ne siamo accorti e abbiamo subito parlato con le maestre che, essenso due donne meravigliose, sono intervenute fermamente e tutto è tornato ala normalità, tranne il fatto che il bimbo lamenta che nessuno vuole giocare con lui.
Le maestre dicono che è perfettamente integrato, come al solito, visto che è un bambino molto solare e socievole ed è sempre andato a scuola molto volentieri. Quando in passato gli dicevo "sapessi quanto mi sei mancato!" lui diceva " a me no mammina, solo nei momenti difficili!". Tutto questo è stato per tre anni, fino alla settimana scorsa. Una mattina ha iniziato a tornare indietro più volte per baciarmi e abbracciarmi... ho pensato che fosse un giorno di particolare "coccolite".
Il giorno dopo però lo ha rifatto ma con più tristezza, cosa inedita per lui ed ogni mattina è stato peggio fino a stamani che si è proprio messo a piangere davanti a me. Quando gli chiedo il perché dice solo che vuole stare con me quando di solito non è mammone anche se molto dolce ed affettuoso! Cercando di farlo parlare (non c'è mai verso di sapere nulla da lui se non lo prendi nel modo ed al momento giusto!) mi ha solo detto che il bimbo che lo aveva infastidito in precedenza gli ha dato delle ginocchiate e la maestra gli ha fatto chiedere scusa e lo ha rimproverato; con questo bimbo però nei mesi ha avuto rapporti normali, anzi altre mamme e le maestre mi dicono che sta spesso con lui e nel suo discorso ho colto solo narrazione ma non rimprovero o rancore.
Un'altra cosa strana accade da circa 10 giorni: il piccolo tiene testa a noi adulti (genitori e nonni che vivono con noi) con urla, cercando di comandare, strepitando, offendendo... cosa che non è ASSOLUTAMENTE da lui in quanto di solito è un bimbo dolce e amoroso. In famiglia non è cambiato niente, tutto scorre come di consueto; a scuola la maestra dice che sembra tutto tranquillo ma che vigilerà. Il mio tormento è che gli sia accaduto qualcosa di cui non mi sono accorta e che lui non mi dice, che possa compromettere la serenità e la solarità di una creatura davvero eccezionalmente dolce e buona. La ringrazio per l'attenzione ed attendo con trepidazione una sua opinione.
Cordiali saluti
T.
 
Capisco la sua premura nel volerlo proteggere da eventi brutti e da compagni violenti. Purtroppo non può essere con lui sempre. Quello che può invece fare è continuare, come sta già facendo, a parlare con lui ed essere attenta ai suoi segnali e cambiamenti, cercando di capirne il significato.
E' giusto anche allertare le maestre rispetto ad atti di bullismo che sono molto frequenti nelle classi e assicurarsi che loro intervengano sul bambino e sui suoi genitori.
Il fatto che suo figlio possa avere dei momenti in cui chiede maggior vicinanza, non significa che sia un "mammone", se a questa parola diamo un significato negativo. Significa che ha più bisogno di rassicurazione e protezione ed è giusto che lo possa esprimere. Lei non se ne preoccupi, ma lo accolga.
Parlando invece del suo atteggiamento verso voi adulti, potrebbe essere tante cose... anche solo una fase in cui cerca di mettere alla prova la vostra autorità. In ogni caso, ponga maggiore attenzione a cosa succede prima di questi momenti, per cercare delle cause che lo inneschino.
Rimango a disposizione se avesse bisogno
un saluto
Dott.ssa Annalisa Pericoli
 
Vedi le altre domande
 
 
 
 
 
 
Eventi per famiglie con bambini a Firenze
Disclaimer           Ufficio Stampa
(c) 2013 Tutti i diritti riservati - P.IVA 06038670482 - Concept, progetto grafico e gestione contenuti: Elisa Staderini