Home - L'esperto risponde - Sportello Psicologia

Bambina molto agitata

 
Buongiorno dottoressa, non so da dove cominciare.
Mia figlia avrà 3 anni a febbraio, ha un brutto carattere, non accetta mai il no e vuole tutto quello che chiede. Come tutti i bambini peccato che la sua reazione è veramente brutta, tipo ieri quando a un centro commerciale è voluta salire sui giochi.
L'abbiamo accontentata ma poi quando le abbiamo detto basta ha reagito molto male. Ha cominciato a urlare e piangere. Si buttava per terra senza volersi più alzare e si aggrappava a ogni cosa. Ovviamente davanti a tutti.
Sono riuscita a prenderla in braccio e mi ha riempita di calci. Fa anche di peggio ma non le sto a raccontare tutto... comunque a casa ha continuato a fare capricci. A qualche sua richiesta era si ad alcune era no e ad ogni no si arrabbia e ha cominciato a tirare di tutto. Al momento della cena ha rovesciato un bicchiere d'acqua dentro il piatto e non ha mangiato. L'abbiamo sgridata e lei si è offesa ancora di più. Insomma è ingestibile e penso che la colpa sia anche della nonna che l'ha sempre assecondata su tutto e fatto fare quello che voleva.
Non so più che devo fare, sembra sempre che mi voglia sfidare e non ha assolutamente nessuna paura di me! eppure quando devo arrabbiarmi mi arrabbio per bene. Poi un altro problema è che da quando ha cominciato l'asilo non riesce a stare più da sola nemmeno un secondo. Chiede continuamente dove sono e ogni volta che si sveglia dal sonno si sveglia piangendo. Grazie.
 
Buongiorno,
il comportamento di sua figlia potrebbe essere causato da una modalità non sempre coerente da parte vostra. Per dispiacere o per facilitarvi la vita a volte potreste dire di sì, dopo aver detto di no o vice versa. Potreste cedere facilmente di fronte alla sua minaccia di urla e calci, per non fare ad esempio scenate in pubblico.
Le urla per ottenere le cose potrebbero essere diventate quindi efficaci.
Sua figlia potrebbe inoltre percepirla non sempre presente, disponibile o sincera e questo la potrebbe portare a comportamenti di controllo nei suoi confronti, eclatanti per agganciare la sua attenzione e mantenerla vicino.
Dovreste, nel caso, rivedere il vostro atteggiamento educativo. Porre delle regole, non accettare gesti violenti e mantenere ciò che promettete, positivo o negativo che sia.
Questo vi richiederà un grande sforzo, ma se fatto con costanza dovrebbe sortire effetti positivi in poco tempo.
Non conoscendovi però posso solo darvi un'opinione generica e fare ipotesi.

Un saluto
Dott.ssa Annalisa Pericoli
 
Vedi le altre domande
 
 
 
 
 
 
Eventi per famiglie con bambini a Firenze
Disclaimer           Ufficio Stampa
(c) 2013 Tutti i diritti riservati - P.IVA 06038670482 - Concept, progetto grafico e gestione contenuti: Elisa Staderini