Home - L'esperto risponde - Sportello Pedagogico Clinico

Pannolino... addio!

 
Gentile Dottoressa, mio figlio Marco compirà 3 anni a fine agosto e a settembre prossimo entrerà alla Scuola dell'Infanzia. Quando abbiamo visitato la scuola all'open day, le maestre ci hanno detto chiaramente che i bambini non dovranno avere più il pannolone e la cosa mi preoccupa molto, perché Marco non sembra al momento intenzionato! Ci abbiamo provato la scorsa estate, quando aveva 23 mesi, ma è andata malissimo e alla fine gli abbiamo rimesso il pannolone. Quali consigli può darmi? Marco non ha frequentato l'asilo nido.
Grazie mille.
Sarah
 
Buon giorno Sarah,
il controllo sfinterico rappresenta una delle conquiste che avviano all'autonomia personale ed è strettamente legato alle risposte maturative del bambino. Generalmente si arriva a controllare in modo consapevole la fuoriuscita di urina e feci attorno ai 2 anni di età. Come fare, nella pratica? Si parte gradualmente con il controllo sfinterico della pipì durante il giorno, ed una volta raggiunta questa autonomia, poi si potrà procedere con il controllo notturno ed infine con il controllo dell'evacuazione delle feci. Iniziate strutturando una routine giornaliera, secondo la quale ci saranno vari momenti in cui accompagnerete Marco in bagno, toglierete il pannolone e lo farete sedere sul vasino oppure sul WC con riduttore, per poi scaricare lo sciacquone insieme e rimettergli il pannolone. Questo primo momento servirà a creare l'abitudine e a dare significato ad una serie di azioni, al termine delle quali naturalmente gli farete tanti complimenti. Abituatelo a fare da solo, quindi a togliersi il pannolone e a buttarlo nell'apposito cesto, in questo modo si sentirà sempre più partecipe. Potrete utilizzare anche dei pannoloni-mutandina all'inizio, per abituarlo al gesto che poi attuerà di abbassare e poi tirare su le mutandine in cotone che sostituiranno il pannolone. Consiglio sempre ai genitori di iniziare questo percorso nel periodo dell'anno un pò più caldo, quindi verso fine primavera e inizio dell'estate, questo per permettere al bambino di poter fare le prime esperienze senza pannolone, magari indossando un costumino, senza sentire troppo freddo. Questa strategia permetterà al bambino di percepire la differenza sensoriale tra sentirsi asciutto e sentirsi bagnato, e lo aiuterà a collegare questa percezione all'esigenza di correre in bagno.
Alcuni bambini riescono a disfarsi del pannolone più velocemente, altri invece hanno bisogno di più tempo. In ogni caso, riuscire a raggiungere questo importante obiettivo per il bambino significherà l'aver stabilito un rapporto positivo con se stesso e con gli altri, un rapporto basato sull'autosufficienza e l'adeguatezza.

Un cordiale saluto
Dott.ssa Flora Fontana
 
Vedi le altre domande
 
 
 
 
 
 
Eventi per famiglie con bambini a Firenze
Disclaimer           Ufficio Stampa            Privacy Policy
(c) 2013 Tutti i diritti riservati - P.IVA 06038670482 - Concept, progetto grafico e gestione contenuti: Elisa Staderini