Home - L'esperto risponde - Spazio logopedia

Linguaggio onomatopeico

 
Salve, ho un bimbo di due anni e mezzo. Capisce tutto e riconosce animali e oggetti ma ha un linguaggio onomatopeico, piuttosto che attribuire un nome alle cose ne ripete il suono, per cui il treno diventa tu-tu, il cane bau, l'aereo i-ooooo... Fa fatica a comporre frasi di senso compiuto, tipo "mamma voglio bere"diventa "mamma acqua". Non ha problemi di socializzazione e frequenta la scuola materna, dopo due anni di nido. E le ricordo che usa ancora il ciuccio per la nanna. Pensa che mi debba preoccupare e rivolgere già ad un esperto o aspettare gli stimoli provenienti dal contatto con i bimbi più grandi. E noi genitori lo possiamo aiutare con qualche esercizio eventualmente? Grazie.
 
Solitamente fino i tre anni circa si aspetta un'evoluzione naturale del linguaggio, se non ci sono problemi di altra natura.
Il contatto con i coetanei e l'imitazione sono ovviamente di grande aiuto.
Una valutazione logopedica però può essere fatta per conoscere alcuni esercizi di ginnastica articolatoria che possono essere di grosso stimolo all'articolazione. Vi premetto però che l'uso prolungato del ciuccio è di ostacolo alla corretta funzione linguale e fonatoria e può essere causa di cattiva eruzione dentale in futuro. Cercate di dissuaderlo in maniera non troppo traumatica; questo è il primo "esercizio" che mi permetto di consigliarvi.
Saluti, Manuela

 
Vedi le altre domande
 
 
 
 
 
 
Eventi per famiglie con bambini a Firenze
Disclaimer           Ufficio Stampa
(c) 2013 Tutti i diritti riservati - P.IVA 06038670482 - Concept, progetto grafico e gestione contenuti: Elisa Staderini