Home - L'esperto risponde - Spazio logopedia

La giusta posizione di riposo della lingua

 
Gentile Dott.ssa sono mamma di due bimbe.
Le scrivo perché la piccola di soli 26 mesi parla ma ancora non ripete bene tutte le paroline e fa piccole frasi es. ciuccio mio. no ninna, mamma a(acqua).
Mi sono accorta che la lingua quando dorme la tiene bassa e non è inarcata verso l'alto. E' normale?
Eventualmente cosa sta accadendo e che fare? grazie
 
Per la padronanza di linguaggio direi che ancora siamo nei tempi, nel senso che alcuni bambini hanno un'evoluzione linguistica più lenta di altri e tendono ad esprimersi in maniera compiuta intorno ai tre anni, tre anni e mezzo. Si aspetta il contatto e l'imitazione dei coetanei alla scuola dell'infanzia e nel caso non porti nessuna evoluzione si effetua una valutazione logopedica, dietro consiglio del pediatra.
Anche per la lingua bassa siamo un pò in anticipo. La deglutizione adulta e la giusta posizione di riposo della lingua (al palato appunto) si apprende e si perfeziona intorno a questo periodo con l'introduzione di tutti i cibi solidi.

Quello che può fare intanto è cercare di eliminare qualsiasi vizio orale rimasto (suzione del dito, ciuccio, biberon..). Il ciucciamento infatti rafforza la deglutizione di tipo neonatale ed ostacola l'evoluzione di quella adulta.

Valutate inoltre (se non lo avete già fatto) la bimba a livello uditivo e respiratorio. Una ostruzione nasale o riniti ricorrenti impediscono di respirare con la bocca chiusa, quindi la lingua non riesce a stare al palato.
La logopedia lavora molto su questo grazie alla terapia miofunzionale, ma generalmente si interviene un pò più tardi. Alcuni esercizi muscolari in maniera ludica possono comunque essere fatti anche prima dei 5-6 anni, dipende molto dalla collaborazione del bambino.
Saluti, Manuela

 
Vedi le altre domande
 
 
 
 
 
 
Eventi per famiglie con bambini a Firenze
Disclaimer           Ufficio Stampa
(c) 2013 Tutti i diritti riservati - P.IVA 06038670482 - Concept, progetto grafico e gestione contenuti: Elisa Staderini