Home - L'esperto risponde - Oculistica bambino

Calazio ricorrente

 
Buonasera Dottoressa, mia figlia di 3 anni ha periodicamente un calazio ad un occhio. Abbiamo provato con dei cicli di antibiotico con il pediatra, ma questa volta il calazio resta lì.
Cosa mi consiglia di fare?
Grazie
Sarah
 
Buonasera Sarah,
il calazio è un'infezione di una ghiandola contenuta nella palpebra. Ci sono persone che non ne hanno mai sofferto nella vita ed altre, come probabilmente sua figlia, che per motivi non ben conosciuti hanno calazi ricorrenti. Sicuramente in un bambino le buone norme igieniche possono prevenirne l'insorgenza per cui si raccomanda di mantenere le mani pulite e cercare di non toccarsi gli occhi. Una recente teoria imputa che ci sia anche una causa "dietetica" nella calaziosi ricorrente, nel senso che una dieta ricca di cibi grassi e raffinati e povera di frutta e verdura favorirebbe le recidive. Per questo motivo qualche medico prescrive degli integratori a base di detossificanti epatici, che però in un bambino di 3 anni non sono indicati.
La terapia antibiotica locale è sempre la prima scelta e nella maggior parte dei casi in una settimana o al massimo due si arriva a guarigione completa. Nei casi più gravi l'oculista può ricorrere ad un collirio o una pomata che oltre all'antibiotico contenga anche del cortisone.
Anche gli impacchi di acqua e sale possono aiutare a sfiammare il calazio.
In alcuni casi il calazio si riduce di dimensioni ma rimane sottoforma di una "pallina" dura nello spessore della palpebra, vuol dire che si è cronicizzato; è necessario allora un piccolo intervento chirurgico per rimuoverlo.
Ai bambini piccoli come la sua suggerisco di aspettare, soprattutto se non si lamenta; la rimozione chirurgica prevederebbe nel suo caso una anestesia generale e non eviterebbe comunque il rischio di recidive.
Faccia valutare al suo oculista se è necessaria una terapia più aggressiva (con un antibiotico diverso da quelli provati o con del cortisone) altrimenti lo lasci così e vedrà che piano piano regredirà da solo.
Saluti


Dottoressa Silvia Collarino
 
Vedi le altre domande
 
 
 
 
 
 
Gli eventi per famiglie
Disclaimer           Ufficio Stampa
(c) 2013 Tutti i diritti riservati - P.IVA 06038670482 - Concept, progetto grafico e gestione contenuti: Elisa Staderini