Home - L'esperto risponde - La posta del ginecologo

Amniocentesi e villocentesi

 
Sono una di quelle donne alla prima gravidanza in età avanzata: le cosidette "primipare attempate". Ho scoperto di esserlo solo da pochi giorni e già corre voce che debba fare amniocentesi e villocentesi. Esattamente dottore qual'è la differenza tra le due? Posso farne una ed escludere l'altra? Ho 43 anni, è proprio consigliabile che faccia questi esami o posso evitare?
La ringrazio
Anna


 
Gent.Signora Anna,
in estrema sintesi direi che le differenze fra villocentesi e amniocentesi sono le seguenti: la villocentesi si esegue in fase precoce della gravidanza (10a 11a sett), consiste in un prelievo di tessuto placentare e presenta una maggiore percentuale di mosaicismi (può essere meno definitiva nella diagnosi e richiedere una successiva amniocentesi).
L'amniocentesi si esegue più tardivamente (20a-22a sett), consiste nel prelievo di un campione di liquido amniotico, ha una maggiore capacità di definizione sui mosaicismi. Quella che esclude l'altra è quindi l'amniocentesi. Entrambe hanno un rischio, che ancorchè basso, è insito nella loro esecuzione.
All'ultima domanda voglio risponderle in un modo non convenzionale (le % di rischio per età e per tipologia di esame le verranno dette al momento dello stesso con precisione), che la invita ad una riflessione e che spero le sia utile per decidere. Questi esami hanno un rischio, anche se minimo, di interferire anche definitivamente con la sua gravidanza. Per contro le danno risposte, in relazione ad un certo numero (non tutte) di possibili malformazioni del feto. Se la sua (vostra) capacità di accettare un figlio anche con un deficit malformativo è alta, così come il desiderio di questo figlio, non corra il rischio di perderlo. Se la sua (vostra) priorità rispetto a tutto è quella di essere rassicurati il più possibile sulla sua mancanza di deficit, esegua l'esame.
In attesa di decidere per una eventuale amniocentesi potrebbe sottoporsi al Duo Test, (entro 12 sett) un esame ecografico non invasivo, che le darà maggiori informazioni sul bambino che aspetta.
Mi scuso per la rsiposta complessa, ma la domanda è di grande importanza.
Cordiali saluti,
Dr.M.Santini
 
Vedi le altre domande
 
 
 
 
 
 
Gli eventi per famiglie
Disclaimer           Ufficio Stampa
(c) 2013 Tutti i diritti riservati - P.IVA 06038670482 - Concept, progetto grafico e gestione contenuti: Elisa Staderini