Home - L'esperto risponde - Il pediatra risponde

Linfonodi reattivi

 
Sono un po' preoccupata per il mio bambino: ha dei linfonodi che la pediatra definisce reattivi, che non accennano a regredire. Nel mese di dicembre abbiamo visto un po' di tutto... positivo allo strepto in gola, poi adenovirus, poi tracheite ad ora il bimbo sta bene non mostra soffetenza in alcun modo... ma i linfonodi restano.
Eseguiti esami del sangue: tutti negativi idem urine.
Quale atteggiamento bisogna tenere in questi casi? La ringrazio anticipatamente.
 
Credo che un atteggiamento di vigile attesa sia la cosa migliore.
Se tutto negativo, esami e esame obbiettivo, e il piccolo sta bene conviene lasciar stare.
Tenga presente che le stimolazioni dei linfonodi, immagino laterocervicali, in questo periodo sono notevoli da parte di un gran numero di agenti infettivi soprattutto virus, per cui la reazione da parte dei linfonodi è intensa. Il lavoro dei linfonodi è di difesa e il loro aumento è espressione di attività antinfettiva.
Comunque ne riparli con il suo pediatra che sicuramente sprà cosa fare al meglio.
MS

 
Vedi le altre domande
 
 
 
 
 
 
Gli eventi per famiglie
Disclaimer           Ufficio Stampa
(c) 2013 Tutti i diritti riservati - P.IVA 06038670482 - Concept, progetto grafico e gestione contenuti: Elisa Staderini