Home - L'esperto risponde - Il Foro di FsC

Un papà assente

 
Salve, vorrei un consiglio per favore.
Sono molto in ansia per la situazione familiare che sto vivendo e vorrei, se possibile, un aiuto da una persona competente come lei.
Le spiego brevemente la situazione. Mi sono lasciata con il mio compagno, non siamo sposati ma abbiamo una bambina di tre anni e non siamo stati mai una famiglia. Per vari motivi, tra i quali mancanze economiche e sede di lavoro all'estero o lontano dal paese del mio compagno non abbiamo mai convissuto, e forse perché non si è mai voluto prendere le responsabilità di una famiglia, nonostante io abbia una casa di mia proprietà; abbiamo convissuto solo per qualche giorno nelle vacanze estive e di Natale di quest'anno: il mio compagno si è fermato a dormire da me ma la mattina presto è pronto per uscire.
Lui non sa neanche cosa significa crescere una figlia, non c'è stato mai quando stava male e nei momenti più importanti fino ad oggi; in questi pochi weekend che ha dormito da me la bambina non voleva assolutamente dormirci anche perché lui russa molto e la bambina terrorizzata non riesce a dormire se non ci sono io con lei. Quelle rare volte che il papà è riuscito a portarla a dormire con lui, quando andavo a dormire trovavo la bimba seduta in mezzo al letto che piangeva e mi diceva che aveva paura perché ovviamente non si sentiva tranquilla, non c'era abituata e gli mette paura il russare. Io non voglio assolutamente allontanare il papà da mia figlia, anche perché io sono cresciuta senza un padre, portroppo mi è morto quando ero molto piccola, e so benissimo quello che significa crescere senza un papà e poi perché la bimba nonostante tutto è molto affezionata al papà. Ma vorrei che, fin quando la bambina non è più grande e riesce a capire e ad abituarsi di più alle abitudini del papà, la bimba dormisse da me e il papà ci può stare fino alla sera e poi me la riporta. Poi un'altra cosa fin da quando sono rimasta incinta i soldi che servivano per me e per sua figlia me li ha dati molto pochi e una volta ogni due-tre mesi, per non parlare dei debiti suoi che mi sono dovuta pagare io. Vorrei sapere in conclusione quando, quanto e come posso fargli vedere la bambina e quanto mi aspetta dell'assegno di mantenimento che lui dovrebbe essere obbligato a versarmi (l'assegno della bambina lo prendo io ed è di 135.00 euro perchè il mio stipendio è molto basso). La prego mi aiuti. Grazie
 
Gentile Signora, La ringrazio per la stima che mostra nei miei confronti. La questione che mi sottopone è molto delicata e richiede la valutazione di molti elementi che non sono indicati nella sua lunga lettera. Le posso dire che in mancanza di accordo tra i genitori, l'organo giudiziario competente ad adottare i provvedimenti nell'interesse dei figli nati fuori dal matrimonio (affidamento, regolamentazione del diritto di visita, contributo di mantenimento) è il Tribunale per i minorenni del luogo dove il minore dimora abitualmente. Un caro saluto
Avv. Cocchi


 
Vedi le altre domande
 
 
 
 
 
 
Eventi per famiglie con bambini a Firenze
Disclaimer           Ufficio Stampa
(c) 2013 Tutti i diritti riservati - P.IVA 06038670482 - Concept, progetto grafico e gestione contenuti: Elisa Staderini