Home - L'esperto risponde - Il Foro di FsC

Nuova città e nuova casa con la mamma

 
Gentile Avvocato,

con mio marito stiamo purtroppo per separarci, abbiamo una bimba di 5 anni e abitiamo a Perugia, ma io sono nata a Siracusa per cui vorrei tornare giù con mia figlia anche perché ho ricevuto la proposta per un buon lavoro che mi permetterà di occuparmi di mia figlia. Cambieranno le modalità di visita ma non ostacolerei mai il rapporto tra mio marito e mia figlia, che essendo ancora piccolina credo sarà collocata presso di me pur avendo l'affidamento condiviso. Non voglio per me alcun mantenimento ma a Perugia non ho nulla e nessuno.
Il giudice mi verrà incontro? Mi permetterà di trasferirmi con mia figlia di 5 anni per le mie motivazioni lavorative?

Cordiali saluti.



 
Gentile Signora,

l’articolo 155-quater del Codice civile, al comma secondo, regola il cambio di residenza in corso di separazione. La norma stabilisce che se un coniuge muti la residenza e ciò influisce con le modalità di affidamento dei figli, l’altro può chiedere al giudice la ridefinizione degli accordi o dei provvedimenti adottati, anche di natura economica.
La questione del mutamento di residenza è stata sempre molto dibattuta, e già prima della legge di riforma del 2006 (che ha introdotto la norma sopra indicata) si discuteva se il genitore affidatario avesse o meno tale diritto. Si ritiene che la norma vigente riconosca il diritto di cambiare residenza, salvo eventuale revisione delle condizioni di separazione.

Un caro saluto.




 
Vedi le altre domande
 
 
 
 
 
 
Gli eventi per famiglie
Disclaimer           Ufficio Stampa
(c) 2013 Tutti i diritti riservati - P.IVA 06038670482 - Concept, progetto grafico e gestione contenuti: Elisa Staderini