Home - L'esperto risponde - Il Foro di FsC

Legge in materia di filiazione

 
Gentile Dott.sa, siamo una coppia con 2 bambini e per motivi sia personali che economici, non abbiamo intenzione di sposarci ancora per qualche anno.
La domanda non è facile ma ultimamente mi sta inquietando in modo non indifferente: a chi verrebbero affidati i nostri bambini e i nostri beni in caso di morte di entrambe i genitori?
La legislazione cosa prevede precisamente per i figli di genitori non sposati? Eventualmente ci consiglia (sperando non serva mai!!!) una scrittura privata da qualche notaio oppure è veramente già tutto equiparato come sembra dalle più recenti notizie?
Grazie
 
Gentile Signora
con la nuova legge in materia di filiazione, entrata in vigore lo scorso febbraio, è stata abolita ogni differenza di trattamento tra figli nati nel matrimonio e figli nati fuori dal matrimonio ed è quindi venuta meno ogni discriminazione, anche terminologica (non più figli legittimi e figli naturali ma solo figli), fra i medesimi.

La legge è intervenuta su di un punto molto importante: in passato, i figli nati fuori del matrimonio non avevano alcun parente, non potendosi considerare tali ad esempio gli zii o i cugini; adesso invece tali figli hanno un rapporto di parentela nei confronti dei parenti dei genitori che li abbiano riconociuti, con l'importante conseguenza che i figli nati fuori dal matrimonio (ugualmente agli altri figli) hanno diritto all'eredità dei parenti senza la necessità di un testamento.

Per rispondere alle questioni che la preoccupano, quando entrambi i genitori vengono a mancare il giudice tutelare nomina tutore del minore la persona designata dai genitori per testamento, per atto pubblico o per scrittura privata autenticata; se manca tale designazione ovvero se gravi motivi ne impediscono la nomina, la scelta del tutore avviene preferibilmente tra i parenti o affini del minore. In ogni caso, trattandosi di decisione da prendere nell'interesse del minore, il giudice dovrà ascoltare il minore che abbia compiuto i dodici anni e anche di età inferiore se capace di discernimento.
Infine, se i genitori muoiono senza lasciare testamento, i loro beni saranno ereditati dai figli in parti uguali.

Un saluto
Avv. Cristina Cocchi
 
Vedi le altre domande
 
 
 
 
 
 
Eventi per famiglie con bambini a Firenze
Disclaimer           Ufficio Stampa
(c) 2013 Tutti i diritti riservati - P.IVA 06038670482 - Concept, progetto grafico e gestione contenuti: Elisa Staderini