Home - Educazione - Didattica Nuova

Un’idea tira l’altra: esercizi di scrittura creativa

Come farsi venire le idee di fronte al foglio bianco? Esistono alcuni trucchetti per superare questo grande ostacolo, vuoi provare a metterti in gioco durante l'estate? Di Mariagiovanna Grifi
Dove
Quando
  
Ingresso
Contatti
Tel:
Fax:
 
 
Consigliato a
Grandi e piccini si ritrovano spesso a soffrire di una grave forma di ansia: quella del foglio bianco. E con il file word del pc ancora immacolato non è che la situazione cambi di molto. Cosa scrivere? Come iniziare? La scrittura segue l’ispirazione, è un processo spesso inconscio e automatico, eppure ogni giorno siamo chiamati a dover scrivere in un tempo e in un luogo determinati. Gianni Rodari cercò di invogliare i bambini a inventare storie con il suo magnifico libro Grammatica della fantasia, in cui, oltre a proporre utilissimi esercizi di scrittura, sottolineava il valore del gioco, del divertimento e della creatività. Non c’è cosa più folle che unire insieme parole, personaggi, azioni, luoghi e tempi incompatibili nella realtà, ma che nella nostra fantasia possono tutto. Il suo invito era chiaro: liberarsi dal peso e dalla logica della vita reale e viaggiare in un mondo dove ogni cosa è possibile.
 
In omaggio al capitolo di Rodari “Il binomio fantastico” vi propongo due trucchetti per uscire da quella sensazione terribile che coglie sia i bambini che gli adulti quando devono scrivere qualcosa di inventato. Una storia, una filastrocca, un indovinello. In fondo il problema è tutto nell’iniziare, una volta giunta l’ideaalla nostra mente il resto viene da sé. Grazie all’esercizio del “binomio fantastico” e del “sole delle parole” non sarà più tanto difficile creare nuove idee. Cominciamo?

Il binomio fantastico consiste nello scegliere due parole qualsiasi per la vostra storia. Più le paroline sono distanti tra loro per significato e contesto, più sarà divertente cercare di combinarle in un racconto avvincente. La cosa più semplice da fare è collegarle tramite proposizioni (“la… del…” oppure “il… nel…” ect) e pensare poi al perché si trovano in questo rapporto (come mai, per esempio, “il cane” è “nell’armadio”?). Da un semplice esercizio possono uscire storie molto interessanti. Oppure si può prendere ogni parola singolarmente e creare altre parole con le lettere che la compongono (per esempio con “mela” troviamo altre quattro paroline che cominciano con “m”, “e”, “l” e “a”). Ecco che da due semplici parole ora avete tantissimi altri termini da usare nella vostra narrazione.

Il sole delle parole è molto simile al binomio fantastico. Anche qui si tratta di scegliere una, due, tre parole isolate (quante ne volete). Metterla ognuna al centro di un cerchio e da questo far partire una serie di raggi. Per ogni parola, quindi, si cercano un po’ di aggettivi, ognuno dei quali viene posto all’estremità del raggio solare. Una volta presenti sul foglio più parole e più aggettivi provate a scrivere un breve racconto che contenga tutti i termini. Anche in questo caso lasciate andare libera la vostra fantasia, non importa se quello che scrivete non ha corrispondenza nella realtà. L’importante è creare e divertirsi.

Naturalmente anche la scelta delle parole chiave deve essere fatta con serenità. Scrivete le prime cose che vi vengono in mente. Fidatevi del vostro sentire, spesso racchiudiamo in noi storie meravigliose senza saperlo!

Durante l'anno scolastico è sempre difficile ritagliarsi un po' di tempo per questi giochi creativi di scrittura. Allora perché non approffittare delle vacanze estive? Sono giochi molto più utili dei soliti esercizi...
Buon divertimento e buona estate.
Prof. Mariagiovanna Grifi

Inserisci un commento Caratteri rimasti:
Nome
EMail
Permetti la pubblicazione del tuo indirizzo email
Letto e Compreso Privacy
 
 
 
 
 
 
Eventi per famiglie con bambini a Firenze
Disclaimer           Ufficio Stampa
(c) 2013 Tutti i diritti riservati - P.IVA 06038670482 - Concept, progetto grafico e gestione contenuti: Elisa Staderini