Home - Educazione - Didattica Nuova

Saper scrivere: competenze e limiti

La scrittura è un processo che utilizziamo nel quotidiano, eppure i giovani lo legano sempre e solo a un uso didattico. Di Mariagiovanna Grifi
Dove
Quando
  
Ingresso
Contatti
Tel:
Fax:
 
 
Consigliato a
Cosa significa saper scrivere? Molti studenti risponderebbero che scrivere bene significa non fare errori grammaticali. Ma è una visione molto riduttiva e “scolastica” di un processo che fa parte della vita di ogni essere umano e che coinvolge ogni attività del suo quotidiano. Inoltre, soffermarsi sull’aspetto ortografico e sintattico della scrittura non permette di sottolineare il valore di questa abilità che l’uomo ha acquisito tanti secoli fa con scopi pratici e concreti, quali comunicare con gli altri ed esprimere sé stessi.

Infatti, possiamo individuare tre componenti fondamentali:
-     - Aspetto grafo-motorio: competenza che comprende tutti i movimenti legati alla scrittura e la coordinazione visuo-motoria.
-     - Aspetto ortografico e grammaticale: capacità di convertire i fonemi (suoni) in grafemi (segni) e conoscenza della forma ortografica corretta di una lingua.
-     - Aspetto comunicativo, espressivo e divulgativo: capacità di esprimersi per iscritto che si esplicita nella generazione, organizzazione e trascrizione delle proprie idee.

Questo terzo aspetto riguarda quella che viene chiamata “scrittura spontanea” e implica un processo molto più articolato e complesso che sta alla base della scrittura: saper pianificare e organizzare le idee, recuperare i vocaboli appropriati (lessico) e avere competenze argomentative (sviluppo del discorso).

Alla luce di quanto detto la scrittura rappresenta un vero e proprio processo di problem solving che torna utile ogni volta che dobbiamo ragionare su qualcosa, prendere una decisione, risolvere un problema, svolgere una qualsiasi attività mentale. In particolare, gli studiosi evidenziano quanto imparare a scrivere, allenarsi a scrivere, insegni a organizzarsi meglio. Pianificare, infatti, significa operare delle scelte, farsi venire in mente nuove idee, programmare attività volte a raggiungere degli obiettivi.
Infine, un aspetto spesso trascurato della scrittura riguarda la revisione. Non basta leggere solo una volta quanto si è scritto, è importante ritornare più volte sul testo per correggerlo, ma anche per poterci ragionare sopra e magari avere nuove idee che possano cambiarne il contenuto, rendendolo più interessante, più chiaro e quindi con una maggiore potenza comunicativa.

La scrittura non è un’attività didattica, non è finalizzata alla scuola e allo studio. La scrittura ci accompagna nella nostra vita, ci permette di poter esprimere quello che pensiamo e quello che proviamo, ci rende possibile la comunicazione a distanza (nel tempo e nello spazio). È una grande risorsa dell’uomo, ancor di più oggi perché l’uso delle nuove tecnologie richiede la comunicazione scritta più che quella orale.
Inserisci un commento Caratteri rimasti:
Nome
EMail
Permetti la pubblicazione del tuo indirizzo email
Letto e Compreso Privacy
 
 
 
 
 
 
Eventi per famiglie con bambini a Firenze
Disclaimer           Ufficio Stampa
(c) 2013 Tutti i diritti riservati - P.IVA 06038670482 - Concept, progetto grafico e gestione contenuti: Elisa Staderini