Home - Ufficio Stampa

Primavera: fioriscono gli starnuti!

La stagione dei fiori è spesso causa di molti disagi per un numero sempre crescente di bambini. Ecco dei consigli utili su come affrontare le "reazioni esagerate"da pollini.
Dove
Quando
  
Ingresso
Contatti
Tel:
Fax:
 
 
Consigliato a
Siamo entrati ufficialmente in primavera ma l’arrivo della bella stagione per molte persone coincide con un periodo problematico: purtroppo starnuti, tosse, naso che cola e occhi che si arrossano sono solo alcuni dei sintomi che affliggono in media circa il 25% della popolazione mondiale. E di questi la maggior parte sono donne e giovani. In età scolare 1 bambino su 3 manifesta un sintomo di allergia stagionale che va dalla semplice rinite ad attacchi asmatici. 

Ma cos'è l'allergia? E’ una reazione "esagerata" del nostro sistema immunitario, che riconosce come "nocive" sostanze altrimenti innocue. La nostra quotidianità è piena di sostanze che possono improvvisamente diventare dannose per l’ organismo, basti pensare a piante, alimenti, polveri, animali, che scatenano congiuntivite, rinite, orticaria e asma nei soggetti allergici.
L'ereditarietà é sicuramente un fattore di maggior rischio: un bambino con genitori allergici  ha maggiori probabilità che sviluppi un' allergia già nei primi anni di vita.
L’asma bronchiale, soprattutto da acari, inizia frequentemente verso i 3-4 anni, la rinite allergica insorge normalmente dopo i 5 anni e le pollinosi in età pre-adolescenziale.
 
Spesso i bambini piccoli manifestano reazioni allergiche a determinati tipi di alimenti: l'uovo, il latte, il formaggio. Dopo una dieta ad eliminazione seguita da uno specialista la maggior parte dei bambini  può tornare a consumare questi alimenti. Diverso è il caso delle allergie stagionali  scatenate dai pollini e che dipendono dal periodo di fioritura delle piante: di conseguenza la loro insorgenza è imprevedibile.
 
Come ci si accorge se il nostro bambino è allergico? Un naso che cola troppo frequentemente quando si frequentano i giardinetti, una tosse secca notturna persistente, gli occhietti rossi che bruciano, insonnia e mal di testa... sono le prime avvisaglie di un sintomo allergico. Quello che sembra un semplice raffreddore può essere il vostro "campanello d'allarme". A quel punto conviene rivolgersi al proprio pediatra, il quale, se lo riterrà opportuno, chiederà una visita allergologica pediatrica.
 

Lo specialista può prescrivere un Rast test (tramite un prelievo di sangue, é possibile individuare eventuali anticorpi contro i pollini) o più frequentemente il Prick test, che consiste nel vedere la reazione cutanea che scatena il contatto con alcuni allergeni. Sebbene nei bambini piccoli i risultati dei test non siano sempre attendibili al 100%, una volta individuata la sostanza a cui il vostro bambino è allergico lo specialista vi darà la terapia adeguata.  
Per una semplice rinite o congiuntivite allergica può bastare spesso l'assunzione  di antistaminici, somministrabili tramite gocce o sciroppi , quando il bambino è molto piccolo. Per alleviare la congestione nasale e il fastidio agli occhi si ricorre all'uso di spray decongestionanti e a gocce oculari . Laddove i sintomi interessino l'attività respiratoria i farmaci d'elezione sono a base di cortisone, in grado di contrastare l'attività infiammatoria provocata dall'istamina liberata dalla reazione allergica.
In alcuni casi lo specialista potrà suggerire una terapia desensibilizzante, una specie di vaccino, da somministrare per almeno tre anni.  In alternativa ai farmaci è possibile utilizzare rimedi naturali, quali la fitoterapia e l'omeopatia.
 
Oltre a seguire i consigli del pediatra é sempre bene seguire il nostro buon senso: imparate a riconoscere gli alberi che possono dar fastidio al vostro bambino. Se possibile evitate di sostare in aree verdi "a rischio" in una giornata ventosa, o nelle ore successive alla pioggia . Infatti la pioggia è in grado di frantumare il polline in particelle ancora più piccole, maggiormente allergizzanti e in grado di raggiungere le vie aeree più profonde. E se proprio non potete farne a meno, tornati a casa, fate una breve doccia al vostro bambino e mettete i vestitini a lavare. Eviterete così che dorma con i capelli pieni di polline o che porti i pollini in cameretta.  Se potete cercate di passare dei periodi in aree dove i pollini sono meno presenti, al mare o in alta montagna.  Areate la casa nelle prime ore del mattino o a tarda sera, quando la concentrazione pollinica è minore.
 
Ricordate inoltre che i bambini allergici ai pollini possono sviluppare una particolare intolleranza ad alcuni alimenti, causata dalla presenza di una proteina comune sia al polline che all'alimento vegetale (allergia crociata). I sintomi sono a rapida insorgenza e sono prevalentemente a carico dell'apparato digerente (prurito e gonfiore alle labbra, palato, lingua, difficoltà alla deglutizione, vomito, diarrea) ma ci possono essere anche  sintomi respiratori, fino allo shock anafilattico.
 
Ed ecco di seguito le  principali reazioni crociate documentate:
- Graminacee: pomodoro, pesca, arachide, mandorla, ciliegia, albicocca, melone, anguria, kiwi, agrumi.
- Betulla, Nocciolo, Ontano: mela, pera, pesca, prugna, albicocca, ciliegia, kiwi, sedano, carota, finocchio,  
 fragola, noce, nocciola, arachide, mandorla.
- Composite: camomilla, sedano, finocchio, carota, prezzemolo, pepe verde, olio di girasole, lattuga,
   tarassaco, cicoria, banana, castagna, miele.
- Parietaria: basilico, ortica, ciliegia, pisello, melone, gelso.
 
Una tempestiva diagnosi, alcuni semplici accorgimenti e una terapia adeguata sono sicuramente in grado di farci vivere la Primavera nel migliore dei modi, per cui... non abbiate paura di questa meravigliosa stagione!

Monica Nicolosi
Può interessarti anche:

Ufficio Stampa

Inserisci un commento Caratteri rimasti:
Nome
EMail
Permetti la pubblicazione del tuo indirizzo email
Letto e Compreso Privacy
 
 
 
 
 
 
Gli eventi per famiglie
Disclaimer           Ufficio Stampa
(c) 2013 Tutti i diritti riservati - P.IVA 06038670482 - Concept, progetto grafico e gestione contenuti: Elisa Staderini