Home - Ufficio Stampa

Muoversi in autonomia: mandiamoli a scuola da soli

Anche se in alcune realtà del nostro Paese esistono progetti per invertire la tendenza, i nostri figli vengono regolarmente accompagnati a scuola da un adulto. Cosa potrebbe accadere se li lasciassimo andare da soli? Di Elisa Staderini
Dove
Quando
  
Ingresso
Contatti
Tel:
Fax:
 
 
Consigliato a
Recenti stime dimostrano che solo il 7% dei bambini italiani tra i 7 e i 14 anni si reca a scuola in autonomia, contro il 40% dei bambini inglesi o il 75% dei tedeschi.
Fino a trenta anni fa l’attività di andare a scuola e tornare a casa da soli era considerata normale in questa fascia d’età, ma al giorno d’oggi è considerata impossibile. Cosa è cambiato davvero?

Chi è nato negli anni ’70 ricorderà alcune delle raccomandazioni fatte dai propri genitori. Occhio a dove mettere i piedi per non ferirsi con una siringa usata. Fare attenzione ad attraversare sempre sulle strisce, anche allora c’erano molte automobili. E proprio come oggi, i figli di quegli anni dovevano tenersi alla larga dai malintenzionati sulla loro strada.

Statisticamente stiamo vivendo uno dei periodi storici considerati più sicuri. Ma allora perché la tendenza è quella di tarpare le ali dei più giovani impedendo loro la conquista di una certa indipendenza? Bisogna dunque fare i conti con le paure e le ansie dei genitori oltre al cambiamento del modello educativo. Nelle scuole primarie di Firenze infatti, le insegnanti non possono permettere neanche ai ragazzini dell’ultimo anno di uscire se non accompagnati da un adulto.

Ma quanto sarebbe importante che i piccoli acquisissero familiarità con il loro ambiente? Svilupperebbero piano piano l’autonomia necessaria per essere preparati al cambiamento che dovranno affrontare comunque al passaggio delle scuole secondarie.
Dall'altra parte del mondo, per il modello culturale giapponese è naturale che gli alunni delle scuole elementari vadano e tornino da soli, perfino nelle grandi città. Vengono organizzati dei check point nel tragitto casa-scuola dove si aggregano i bambini che con la forza del gruppo si sentono protetti e al sicuro.

E se provassimo a lasciarli crescere anche qui? Magari potrebbero sentirsi bene e chissà che quei genitori sempre in corsa dopo aver accompagnato il pargolo, non assaporino un vantaggio reale anche per sé.

Elisa Staderini


Può interessarti anche:

Ufficio Stampa

Inserisci un commento Caratteri rimasti:
Nome
EMail
Permetti la pubblicazione del tuo indirizzo email
Letto e Compreso Privacy
 
 
 
 
 
 
Eventi per famiglie con bambini a Firenze
Disclaimer           Ufficio Stampa
(c) 2013 Tutti i diritti riservati - P.IVA 06038670482 - Concept, progetto grafico e gestione contenuti: Elisa Staderini