Home - Servizi - Euro Family

Paternità e congedi parentali: diritti e doveri dei papà moderni

La "quota azzurra" nelle famiglie italiane: tutta una questione di tempo.
Di Stefania Rossi
In Italia è il 19 Marzo ma ogni Paese ha la sua Festa del Papà.
Al di là della data, del bigliettino e del pensierino, è importante evidenziare come la figura del papà ed il suo ruolo attivo in famiglia abbiano gradualmente ricevuto negli ultimi decenni maggiore attenzione e riconoscimento, almeno a casa e a scuola.

Papà al lavoro e papà in cerca di lavoro, papà universitari e papà casalinghi per scelta o per necessità. Papà in ogni caso molto più presenti di una volta e negli ultimi anni, seppur ancor molto timidamente, un po' più tutelati anche nel nostro Paese in materia legislativa di congedi parentali.

Sono comunque ancora una volta Svezia e Norvegia, secondo lo European Industrial Relations Observatory, i due paesi europei dove i congedi parentali permettono regolarmente a padri e madri di equilibrare al meglio gli impegni genitoriali con l’attività professionale.

In generale quasi tutti i Paesi Europei garantiscono già da anni settimane di congedo di paternità obbligatorio.
In Italia, sulla spinta della direttiva europea n. 2010/18/UE, questo diritto è stato finalmente introdotto per la prima volta nel 2012, per ora solo in via sperimentale per il triennio 2013-2015: prevede 1 giorno di paternità obbligatoria estendibile fino ad un massimo di 3 giorni... piccoli passi verso grandi orizzonti!

Alle nostre belle famiglie italiane e ai nostri cari papà, tanti auguri davvero e soprattutto ancora un po' di pazienza!
Stefania Rossi

Inserisci un commento Caratteri rimasti:
Nome
EMail
Permetti la pubblicazione del tuo indirizzo email
Letto e Compreso Privacy
 
 
 
 
 
 
Eventi per famiglie con bambini a Firenze
Disclaimer           Ufficio Stampa
(c) 2013 Tutti i diritti riservati - P.IVA 06038670482 - Concept, progetto grafico e gestione contenuti: Elisa Staderini