Home - Lo spazio dei bambini - Dillo con 1 fiaba

Il mare arrabbiato

Avere tanti giochi senza condividerli con gli altri bambini non ti fa divertire... Elisabetta Matui ci racconta la favola del mare che un giorno si arrabbiò e smise di giocare con i bambini
C’era una volta un mare azzurro e allegro che amava moltissimo giocare con i bambini che venivano a trovarlo. Aspettava impaziente che i bambini finissero la scuola e arrivassero alla spiaggia con i nonni. Le onde amavano i pattini e i surf e i motoscafi.
La mattina presto arrivavano in spiaggia le mamme con i bimbi più piccoli, quelli che non potevano stare tante ore al sole. Allora le onde si appiattivano per non spaventare quei bimbi. E i bambini erano contenti. Entravano appena nell’acqua: bagnavano i loro piedini morbidi insieme alla loro mamma e poi tornavano a riva. Ma quando arrivavano i bambini più grandi le onde avevano tanta voglia di giocare con loro e li chiamavano. E i bambini capivano il linguaggio delle onde e chiedevano alla mamma di entrare nell’acqua a giocare con le onde; e non solo – una volta entrati non volevano più uscire perché era così divertente giocare con le onde.

Eppure un brutto giorno quel mare si arrabbiò perché alcuni bambini maleducati avevano lasciato tutta la spazzatura in spiaggia e le acque del mare si erano riempite di cartacce e bottiglie di plastica.
Il mare era talmente arrabbiato che decise che nessuno avrebbe più giocato con le sue onde.
“Sono mie e basta.” Si disse. “Non permetterò più a nessuno di giocare con le mie cose!”
Vi immaginate cosa avvenne? La mattina dopo, quando le mamme con i bimbi più piccoli arrivarono alla spiaggia c’erano onde talmente grandi che le mamme erano spaventate e riportarono a casa i loro bimbi. E lo stesso avvenne durante tutta la giornata. Nessuno poteva entrare nell’acqua, né i bambini, né i grandi. Non ci furono barche a vela, né motoscafi quel giorno e anche le navi più grandi avevano paura di uscire dal porto. Questo continuò per molti giorni. I bambini tornarono nelle loro città ma erano molto dispiaciuti perché giocare con le onde era una cosa bellissima. Ci furono mamme che volevano portarli in piscina, ma non era la stessa cosa…
“Ti ricordi quando giocavamo a palla, tra le onde?” chiedeva un bimbo all’altro.
“E quando c’erano i cavalloni e saltavamo tenendoci per mano?”
Tutti erano molto dispiaciuti. Per tutto l’inverno le cose continuarono in quel modo. Il mare era molto mosso e le onde erano talmente grandi che impedivano a chiunque di entrare.
I bambini tutte le sere chiedevano ai genitori: “Come sarà il mare domani? Pensi che ci farà giocare ancora con le sue onde?”
Siccome non sapevano più cosa rispondere, tutti i papà decisero di andare con i bambini a chiedere aiuto ad un vecchio pescatore.
“Che dobbiamo fare?” chiesero i papà e i loro bambini.
Il vecchio era molto saggio e conosceva bene quel mare.
“Il mare è molto arrabbiato,” rispose il pescatore. “Non vuole più che giochiamo con le sue onde. Forse dovremmo fargli capire che siamo amici e dargli qualcosa di nostro, come ringraziamento per quello che lui ci ha sempre dato.”
“Ma cosa possiamo dargli?” chiese il sindaco, che era anche lui un papà.
“Io ho solo le mie biglie.” Disse un ragazzino.
“E vuoi dargliele?” volle sapere il pescatore.
“Veramente mi piacciono molto, ma posso dargliele. Credi che me le restituirà?”
“Devi chiederglielo.” Rispose il pescatore.
Così quella sera i papà e i loro figli, andarono alla spiaggia.
“Mare…” urlava il ragazzino. “Se ti do le mie biglie mi fai giocare con le tue onde?”
Il mare che aveva iniziato a sentirsi molto solo e aveva voglia di parlare con qualcuno si azzittì.
“Chi mi chiama?” si chiese e si sdraiò in silenzio per ascoltare.
Allora il bambino si avvicinò.
“Mare, mi mancano molto le tue onde, giocavamo insieme; ti ricordi? Ci siamo divertiti tanto. Ti ho portato anche le mie biglie, se vuoi giocarci. Ma fammi ricominciare a giocare con le tue onde.”
“Ci devo pensare,” disse il mare. “Torna domani, ma vedi di essere solo. Giocheremo con le onde e con le tue biglie.”
E così fu. Il giorno successivo era una bella giornata di sole e il ragazzino corse alla spiaggia. Le onde lo stavano aspettando e cominciarono subito a giocare con le biglie e con gli spruzzi.

“Domani porta i tuoi amici,” gli disse il mare prima di andarsene, “più siamo e più ci divertiamo. Ho capito che stare solo con tutte le mie onde non mi serve, ma avere tanti amici con cui dividere le cose è il modo migliore di sentirsi ricchi.”
Inserisci un commento Caratteri rimasti:
Nome
EMail
Permetti la pubblicazione del tuo indirizzo email
Letto e Compreso Privacy
 
 
 
 
 
 
Gli eventi per famiglie
Disclaimer           Ufficio Stampa
(c) 2013 Tutti i diritti riservati - P.IVA 06038670482 - Concept, progetto grafico e gestione contenuti: Elisa Staderini