Fiorentini si Cresce

La vista dei bambini


Parliamo di vista dei piccoli con la Dott.sa Collarino. Quando fare il primo controllo? Ci sono degli atteggiamenti particolari dei bambini che suggeriscono l'utilità di una visita oculistica. Come riconoscerli?
Dove
Quando
  
Ingresso
Contatti
Tel:
Fax:
Consigliato a

Alla nascita, prima della dimissione dall’ospedale o al primo controllo pediatrico, viene effettuato il cosidetto “riflesso rosso”. E' un test molto semplice e assoltumante non invasivo che mira ad escludere patologie gravi come la cataratta congenita.

La prima visita oculistica è consigliabile ai 3 anni perché si riesce ad ottenere una buona collaborazione del bambino. In presenza di dubbi è comunque  possibile testare l’integrità del sistema visivo, già dai primi mesi di vita con dei test oggettivi.

In caso di prematurità, sono previsti controlli specialistici accurati sia alla nascita che durante i primi mesi di vita, per il rischio di “retinopatia del prematuro”: una patologia legata all’immaturità del sistema visivo.

Quando è presente familiarità per particolari patologie oculari quali l’ambliopia (occhio pigro), un elevato vizio refrattivo come miopia, ipermetropia o astigmatismo è possibile anticipare il primo controllo.

In ogni caso, i genitori possono notare alcuni comportamenti particolari dei figli che suggeriscono la necessità di una visita oculistica.

-Il bambino ha gli occhi storti o tende ad averli?
-Si strofina spesso gli occhi?
-Tiene la testa inclinata quando scrive o guarda la TV?
-Avvicina troppo al viso i piccoli oggetti?
-Riferisce mal di testa soprattutto la sera?
-Ha spesso gli occhi rossi?

Se rispondete sì anche a una sola queste domande, è consigliato informare il proprio pediatra e il proprio oculista.

Dottoressa Silvia Collarino
377/4266353
scrivi alla dottoressa


www.docvadis.it/msilvia-collarino





Newsletter

(c) 2018 Tutti i diritti riservati - P.IVA 06038670482 - Concept, progetto grafico e gestione contenuti: Elisa Staderini